Avalanche «Sent From Hell» (2019)

Avalanche «Sent From Hell» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
15.06.2020

 

Visualizzazioni:
122

 

Band:
Avalanche
[MetalWave] Invia una email a Avalanche [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Avalanche [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Avalanche [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Avalanche

 

Titolo:
Sent From Hell

 

Nazione:
Australia

 

Formazione:
- Steven Campbell :: Vocals, Bass;
- Ryan Roma :: Drums;
- Veronica Taleski :: Lead Guitar;
- Arthur Divis :: Rhythm Guitar;

 

Genere:
Hard Rock

 

Durata:
35' 40"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
26.11.2019

 

Etichetta:
Sliptrick Records
[MetalWave] Invia una email a Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sliptrick Records

 

Distribuzione:
Dead Pulse
[MetalWave] Invia una email a Dead Pulse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dead Pulse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dead Pulse

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

E’ proprio divertente questo Ep di debutto degli australiani Avalanche, un quartetto giovanile che con il suo hard rock dalle tendenze quasi rockabilly travolge l’ascoltatore offrendo quattro brani studio oltre quattro brani live. In sostanza si tratta di un doppio Ep con il quale la band vuole in sostanza dimostrare che le proprie attitudini ed il divertimento è duplice sia in versione studio che in quella live. Molto southern è il sound con il quale la band si presenta al pari del caldo clean maschile pronto da un momento all’altro ad assumere le più diversificate attitudini. Ispirati in parte ad AC/DC con i riff e distorti di pari fattura ma in questo caso dannatamente più grintosi, conquistano l’ascoltatore con le primissime note di “Sold My Soul” il cui approccio rock metal lascia ciò che necessita per tirare su il morale e farsi trascinare nel rock sporco che questa band sa ben fare; segue poi “Balls Deep” il cui riff in apertura è subito pronto a scatenare un’altalenante andatura, divertente e ricca di emozioni; analoga sorte anche per la più sobria “On Your Back” un brano molto AC/DC ma molto espressivo nel clean che ci porta alla spiritata e conclusiva performance studio di “Head First In Hell” dove ancora una volta il divertimento è assicurato per i suoi riff ruvidi e grezzi ma enormemente efficaci. Si passa poi alla seconda parte ovvero quella live dove la band con i restanti quattro brani sa nuovamente divertire, un po’ mettendo in ballo l’hard rock degli Airbourne in versione appena più moderata. Un buon esordio, divertente moderno e sempre pronto a coinvolgere.

Track by Track
  1. Sold To The Devil 80
  2. Balls Deep 80
  3. On Your Back 80
  4. Head First In Hell 80
  5. Run Life Hell (Live) 75
  6. Head First In Hell (Live) S.V.
  7. Get Back (To Fuckurt City) (Live) 75
  8. Down In The Gutte (Live) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 15.06.2020. Articolo letto 122 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.