The Oneira «Injection» (2020)

The Oneira «Injection» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
21.05.2020

 

Visualizzazioni:
170

 

Band:
The Oneira
[MetalWave] Invia una email a The Oneira [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Oneira [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Oneira

 

Titolo:
Injection

 

Nazione:
Grecia / Italia

 

Formazione:
Filippos Gougoumis :: Composer, lead and rythm guitars, 12 strings guitar, bass, backing vocals
Manuel Ruscigno :: Lead vocals
Gianpaolo Begnoni :: Keyboards and programming
Danilo Saccotelli :: Drums, percussion, backing vocals

 

Genere:
Crossover Prog / Hard Rock

 

Durata:
47' 42"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.03.2020

 

Etichetta:
Rockshots Music
[MetalWave] Invia una email a Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Rockshots Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

“Injection” è il terzo album dei The Oneira, e costituisce un bell’esempio di prog rock di vecchia guardia ma senza molta tastiera, dove è il mood a colorare questi 47 minuti di musica, e che predilige un approccio della canzone aperto, con un saliscendi emozionale dei brani che vanno dallo stile alla Journey della opener “Still free to choose”, passando per le atmosfere terse di “Know that feeling”, dove il prog rock si bagna di AOR, che lascia poi spazio all’atmosfera suggestiva di “Edipsos”, forse il brano migliore del disco per via di una parte centrale molto buono, e arrivando alle più dirette “Trust no one” (che suona come se i Porcupine Tree si fossero uniti con certi Genesis), arrivando alla conclusiva e leggermente più metal oriented title track, più incisiva e spigolosa, mentre il resto dei brani sono a metà tra queste influenze.
Ne risulta un disco completo e da apprezzare tutto d’un fiato, che rende “Injection” un album molto scorrevole e comunque non troppo old fashioned, con una buona produzione che non rende il tutto maggiormente apprezzabile ad una migliore fascia di pubblico, e che soprattutto non va mai a suonare troppo sopra le righe. Se il prog rock d’annata più atmosferico è il vostro stile preferito, “Injection” dei The Oneira dovrebbe soddisfare la vostra sete di richieste discografiche.

Track by Track
  1. Still free to choose 75
  2. Know that feeling 75
  3. Edipsos 80
  4. Behind the sun 70
  5. Make my day 75
  6. Paint your soul 70
  7. Trust no one 75
  8. Over the mountain 75
  9. Injection 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 21.05.2020. Articolo letto 170 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.