Plateau Sigma «Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below» (2019)

Plateau Sigma «Symbols - The Sleeping Harmony Of The World Below» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.03.2020

 

Visualizzazioni:
251

 

Band:
Plateau Sigma
[MetalWave] Invia una email a Plateau Sigma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plateau Sigma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Plateau Sigma

 

Titolo:
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Nino Zuppardo :: Drums, Vocals
Francesco Genduso :: Guitars, Vocals
Manuel Vicari :: Guitars, Vocals, Lyrics, Songwriting
Maurizio Avena :: Bass

 

Genere:
Doom Metal

 

Durata:
56' 38"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
25.10.2019

 

Etichetta:
Avantgarde Music
[MetalWave] Invia una email a Avantgarde Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Avantgarde Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Avantgarde Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Avantgarde Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Avantgarde Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Avantgarde Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Avantgarde Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Colpaccio della Avantgarde, che con il secondo album dei Plateau Sigma dal titolo lunghissimo ci consegna un ottimo esempio di come fare un funeral doom con richiami al doom/death per quasi un’ora di musica che davvero ha molto da trasmettere.
È infatti incredibile come i Plateau Sigma da Imperia riescano a fare praticamente tutto ciò che vogliono coi loro strumenti, senza rifugiarsi troppo in chissà quali pedali, e invece proponendo un sound davvero straniante, che suona sospeso nella traccia opener, passando ad essere una litania straziante con voce pulita nel secondo brano, e poi variando il mood proponendo richiami ai Tiamat più psichedelici in “A parody of medea”, il tutto sovrapposto a uno stile musicale dal feeling enigmatico e angoscioso che va a ricordarmi nientemeno che il colossale “Voidwards” dei Dolorian, fino a una apertura leggermente meno fosca in chiusura, anche se il brano mio preferito è senz’altro “The white virgin”, ovvero un esempio di come fare un brano da 4 minuti eppure impostato come se fosse un mantra, per un risultato eccellente.
Poco da dire: “Symbols…” dei Plateau Sigma è un disco da avere, per quel che mi riguarda. Altro che chitarre troppo sature e ribassate o scopiazzamenti stoner: l’arte è questa, non si nasconde ed è fatta da ottimi interpreti. Chapeau!

Track by Track
  1. Heterochromia 80
  2. Ouija and the quantum 85
  3. A parody of medea 85
  4. To Mnemosine's Bittersweet Fruit 80
  5. The Moon Made Flesh 80
  6. The white virgin 85
  7. She Kept the Sacred Fire Still 80
  8. The Child and the Presence 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.03.2020. Articolo letto 251 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.