Chaoseum «First Step To Hell» (2018)

Chaoseum «First Step To Hell» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Fleshrequiem »

 

Recensione Pubblicata il:
24.03.2019

 

Visualizzazioni:
123

 

Band:
Chaoseum
[MetalWave] Invia una email a Chaoseum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Chaoseum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Chaoseum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Chaoseum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Chaoseum

 

Titolo:
First Step To Hell

 

Nazione:
Svizzera

 

Formazione:
CK Smile: Vocals
Loic Duruz: Guitars
Valery Veings: Guitars
Greg Turini: Drums

 

Genere:
Metalcore / Power-Crossover

 

Durata:
47' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
27.10.2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Black Market Music
[MetalWave] Invia una email a Black Market Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Black Market Music

 

Recensione

Nuovo esordio svizzero chiamato "Chaoseum", una band female fronted (non più a quanto pare) che mi ha lasciato discretamente soddisfatto. "First Step To Hell" è infatti un piacevole connubio tra nu metal/gothic con richiami al thrash e all'heavy che fusi danno vita ad un sound adornato anche da un intelligente uso della componente digitale. E' bello scorgere "dejavù" di molte altre band all'interno del disco come ad esempio i nostrani Lacuna Coil, gli Evanescence, persino i Cadaveria, e questo non solo per il connotato graffiante della voce in brani come "Kill or Be Killed"; è inoltre presente una vaga vena old school rievocata da pezzi come "Rock Rock" che non stona affatto.
Un songwriting di tutto rispetto è quello che troverete nel disco che per essere un esordio è già qualcosa di notevole, songwriting che non nasconde, anzi, il trascorso compositivo dei musicisti. Il cantato è abbastanza convenzionale e non eccelle dal punto di vista del virtuosismo o dell'interpretazione ma è gradevole tutto sommato. La pecca maggiore è sicuramente la produzione che tende all'ovattato ed è poco nitida, ma per il resto penso sia un ottimo prodotto da esordio e non mi sorprenderei se ne sentissi ancora parlare.

Track by Track
  1. Lilith 65
  2. Don't Waste Your Time 65
  3. Crawling In The Dirt 70
  4. Blue Scorpion 70
  5. First Step To Hell 70
  6. F.T.S. 75
  7. New Dawn S.V.
  8. Kill Or Be Killed 70
  9. Devil's Wedding 65
  10. Rock Rock 70
  11. Between Two Lives S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Fleshrequiem » pubblicata il 24.03.2019. Articolo letto 123 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.