Maghi di Ozzy «Ho perso L'Eden» (2017)

Maghi Di Ozzy «Ho Perso L'eden» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ladystardust »

 

Recensione Pubblicata il:
22.01.2017

 

Visualizzazioni:
572

 

Band:
Maghi di Ozzy
[MetalWave] Invia una email a Maghi di Ozzy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Maghi di Ozzy

 

Titolo:
Ho perso L'Eden

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Davide Monaci (Prippri) – Batteria
Maycol Chechi (Maikie) – Chitarra
Paolo Ciacci (Ozzy) – Voce


 

Genere:
Rock

 

Durata:
35' 58"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2017

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione


I Maghi di Ozzy sono Toscani, provenienti dalla provincia di Siena, hanno inciso testi e musica nel loro primo disco con dieci tracce, intitolato "Ho perso l'Eden”, completamente autoprodotto, è disponibile in formato fisico e digitale.
La band è formata da musicisti esperti, inclini ad un rock di formazione italiana, un sound quasi malinconico a tratti, mentre per altri versi riesce ad essere divertente.
Dal loro cilindro escono note rock con cui esprimono la propria rivoluzione interiore.
Il primo singolo estratto da questo disco del quale è la nona traccia, è “L’Animale” che ricorda i primi Litfiba.
Personalmente non apprezzo in pieno questo debut album ma sicuramente questi ragazzi sono ottimi musicisti e con i loro suoni intriganti e taglienti riescono in qualche modo a coinvolgere.
Dei dieci brani proposti, quelli più interessanti sono la terza traccia “Natur Al Mente”, “L’Ego”, “L’Animale” ed il brano di chiusura “Sollevato”.
Questo brano è di una delicatezza incredibile sia nel testo che nella musicalità, veramente un brano riuscito, introverso e nella sua sensibilità riesce a racchiudere l’essenza di un rock malinconico.
Questi quattro pezzi, oltre ai testi, sono notevoli per la armonia e la ritmicità, buoni brani che si elevano rispetto agli altri passaggi dell’intero album e che si fanno notare per la propria composizione e freschezza.
Nelle loro canzoni c'è sempre un fondamento di felicità, uno di riflessione ed uno che fa venire voglia di ballare.
"Ho perso l'Eden” è un rock con venature pop, musica che strizza l’occhio a quella linea orecchiabile e che può abbracciare sicuramente un pubblico più vasto.
I Maghi di Ozzy hanno certamente una grande capacità che auguro loro si evolverà, in un vicino futuro, con successi ed un nuovo disco che dimostri il valore di questi quattro validi musicisti.
Concludendo, “Ho Perso L’Eden” lo consiglio vivamente poiché è riesce ad essere moderno e fresco pur attingendo dal passato.

Track by Track
  1. Ho Perso L'Eden 70
  2. Ti Darò 75
  3. Natur Al Mente 75
  4. Non Sei Tu 75
  5. Spugna 75
  6. Clown 75
  7. L'Ego 80
  8. Un Essere 75
  9. L'Animale 80
  10. Sollevato 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Ladystardust » pubblicata il 22.01.2017. Articolo letto 572 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.