Sazernyst «Where Darkness Dwells» (2015)

Sazernyst «Where Darkness Dwells» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
07.12.2015

 

Visualizzazioni:
1069

 

Band:
Sazernyst
[MetalWave] Invia una email a Sazernyst [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sazernyst [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Sazernyst [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Sazernyst

 

Titolo:
Where Darkness Dwells

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Mattia :: Vocals, Guitars
Ingemar :: Guitars
Michele :: Bass
Davide :: Drums

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
21' 3"

 

Formato:
Mini-CD

 

Data di Uscita:
22.05.2015

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Secondo demo per i Sazernyst, band italiana proveniente da Brescia secondo la pagina di Metal Archives e da Bergamo secondo quella di Facebook, che condensa 5 tracce in 21 minuti di musica.
Un demo caratterizzato dall’avere ombre e luci in continuazione, ovvero una intensità delle canzoni che va e viene e che mi costringe ad una analisi track by track. L’opener “Homicide ritual” è una canzone che all’inizio disorienta per dei cambi umorali all’inizio della canzone un po’ troppo frequenti che mi disorientano, ma che presenta una seconda parte della canzone in ripresa, con una buona compattezza sonora che si rifà a qualcosa addirittura degli Ondskapt. Nella seconda e nella quinta canzone l’equilibrio compositivo si delinea maggiormente, e i Sazernyst sembrano eccellere nei tempi medio lenti per un mood rabbioso e tetro, mentre non sembrano colpire granché nelle parti veloci, tuttavia l’equilibrio cambia ancora nella terza canzone, dove dei riff veloci stile certe cose dei primi Besatt riescono a colpire in positivo nonostante delle metriche vocali che non sempre si incastrano a dovere, mentre la quarta, con dei riff e delle soluzioni ritmiche tanto semplici quanto azzeccate, riescono a darci un brano che forse osa poco, ma che ci va bene così.
In altre parole, come detto all’inizio della recensione, i Sazernyst non sono male, ma la loro intensità musicale va e viene, e non sempre le buone intuizioni musicali che ci sono riescono poi a mantenere quella stessa intensità per tutta la canzone, il che vuol dire che per il futuro consiglierei a questa band di lavorare proprio su questo, nonché anche ad una maggiore amalgama delle proprie influenze, a volte un po’ slegate. Questo fa dei Sazernyst, dunque, una band che apprezzo per vivacità di songwriting ed entusiasmo, ma che ha anche margini di miglioramento.

Track by Track
  1. Homicide Ritual 65
  2. The pit and the pendulum 70
  3. La caduta degli Angeli 65
  4. Unicursal Hexagram 70
  5. Death’s Breath 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
66

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 07.12.2015. Articolo letto 1069 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.