Tethra «Drown into the Sea of Life» (2013)

Tethra «Drown Into The Sea Of Life» | MetalWave.it Recensioni Autore:
FallenAngel »

 

Recensione Pubblicata il:
25.01.2015

 

Visualizzazioni:
1298

 

Band:
Tethra
[MetalWave] Invia una email a Tethra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Tethra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Tethra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Tethra

 

Titolo:
Drown into the Sea of Life

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Clode (voce)
Belfagor (chitarra)
Giuseppe (basso)
Miky (batteria)

 

Genere:
Doom Death Metal

 

Durata:
49' 31"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Tethra provengono dalla provincia di Varese e ci propongono la loro ultima fatica intitolata "Down into the sea of life" uscita per la House of Ashes Productions.
La band nasce da un'idea di Belfagor, chitarrista degli Horrid, band presente nel panorama death metal italiano ormai da diversi decenni, e ci presenta un sound di indubbio impatto.
Il lavoro dei Tethra si può definire solo in un modo: doom, doom e ancora doom, con un sound che fa onore al genere, grazie ad una sofferenza sonora di fondo che riesce a tradursi in un senso di disagevole claustrofobia che permea in ogni secondo del cd.
I nostri, toccano i mostri sacri del doom metal, dai Black Sabbath ai Candlemass con una punta di Saint Vitus e Paradise Lost, ma riescono a miscelare il tutto in maniera da proporre al pubblico qualcosa di nuovo e di accattivante.
L'ugola di Clode (ex Gory Blister e Coram Lethe) riesce a dare il meglio di sé sia nelle parti maggiormente melodiche che nelle parti in growl senza dimostrare alcuna difficoltà nei cambi di ritmo e di melodia.
Brani come la titletrack "Down into the sea of life" e "Drifting islands" riescono a permeare nel nostro intimo straziano e facendo a brandelli la nostra mente grazie ad un'atmosfera malinconica ma potente al tempo stesso, migliorata da alcuni cambi di tempo squisitamente death metal che aggiungono quel qualcosa in più alle song tanto da renderle decisamente ottime.
Con "Ocean of dark creation" invece ci troviamo davanti ad una vera e propria opera a se stante, accattivante e completa nella sua ottima varietà di suoni, partendo con un sound alla Cemetery of Scream per poi esplodere nella sua parte maggiormente ritmata in cui la sezione ritmica riesce ad essere potente e precisa al tempo stesso senza pretendere di strafare.
Questo "Down into the sea of life" è quindi un buon lavoro sotto tutti i punti di vista. i Tethra non hanno di certo inventato nulla nel panorama doom, ma riescono a crearsi un sound abbastanza personale da emergere dall'anonimato. Il cd è decisamente consigliato agli amanti del genere, ma anche a chi si vuole avvicinare la prima volta al doom metal.

Track by Track
  1. The great fall (Intro) S.V.
  2. Sense of the night 70
  3. Drifting islands 75
  4. Vortex of the void 75
  5. Drown into the sea of life 80
  6. The underworld 75
  7. Ocean of dark creation 80
  8. Ode to the hanged man 75
  9. End of the river 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
74

 

Recensione di FallenAngel » pubblicata il 25.01.2015. Articolo letto 1298 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.