Mare Cognitum «Phobos Monolith» (2014)

Mare Cognitum «Phobos Monolith» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
17.12.2014

 

Visualizzazioni:
697

 

Band:
Mare Cognitum
[MetalWave] Invia una email a Mare Cognitum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mare Cognitum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Mare Cognitum

 

Titolo:
Phobos Monolith

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
Jacob Buczarski :: Everything

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
49' 43"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
03.11.2014

 

Etichetta:
I, Voidhanger Records
[MetalWave] Invia una email a I, Voidhanger Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di I, Voidhanger Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di I, Voidhanger Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di I, Voidhanger Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Mare Cognitum li avevamo lasciati tempo fa in uno split con gli Spectral Lore (qui recensito), dove questa band californiana mostrava il lato migliore di uno split che comunque puzzava un po’ troppo di allungato e pertanto un po’ manieristico e migliorabile qua e là.
Il terzo album, questo “Phobos Monolith”, ci presenta 4 tracce in quasi 50 minuti di una musica davvero soddisfacente, che se sulle prime note della prima canzone sembra confermare una riproposizione di certo ambient black metal, in realtà si manifesta essere una canzone che sa evolvere e divenire rabbiosa, e che dispone di una spettacolare apertura del brano a 8 minuti, potente e epica. Ma già con il secondo brano è evidente che lo stile di Jacob Buczarski in questa release è più cattivo e tipicamente black metal nonostante qualche influenza sparsa ambient. Sembrerebbe proprio che si ha a che fare con un disco del cosiddetto “Cascadian Black Metal”, ovvero quello stile Wolves in the Throne Room e compagni, dove in altre parole il mood delle canzoni è black metal, ma flirta con l’ambient ed è estremamente atmosferico. In realtà “Phobos Monolith” da qui in poi, pur attestandosi su canzoni lunghe, riesce ad essere spettacolarmente soddisfacente dal punto di vista metal, anche se melodico, con una “Noumenon” assolutamente eccezionale e che nei primi 5 minuti dei riffs è semplicemente superba, con picchi sconfinanti nel depressive e tocchi di piano alla fine. Il tutto viene confermato da “Ephemereal Eternities”, brano più tipicamente black metal ma non scevro da una certa grazia compositiva che rende il tutto ispirato e potente, anche per via di armonizzazioni e passaggi più suonati e poco effettati che rendono il disco sicuramente appetibile anche a chi non è interessato a echi e riverberi nel black metal.
Insomma: “Phobos Monolith” è secondo me un disco parecchio consigliato se siete fans della melodia e se non siete fissati con le produzioni grezze; quasi da avere addirittura se siete fans del cosiddetto Cascadian Black Metal, visto che questo disco è tra i migliori recenti esempi di questo genere che mi sia capitato di sentire. Un complimento a Jacob Buczarski che è riuscito a comporre canzoni dal tiro invidiabile anche se lunghe, e dove l’intensità non scema mai, nonché complimenti alla I, Voidhanger Recs per aver scoperto questo bel gruppo.

Track by Track
  1. Weaving the thread of transcendence 75
  2. Entropic Hallucinations 80
  3. Noumenon 90
  4. Ephemeral Eternities 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 17.12.2014. Articolo letto 697 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.