Haemophagus «Atrocious» (2014)

Haemophagus ŤAtrociousť | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
02.12.2014

 

Visualizzazioni:
1117

 

Band:
Haemophagus
[MetalWave] Invia una email a Haemophagus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Haemophagus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Haemophagus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Haemophagus

 

Titolo:
Atrocious

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Giorgio :: Lead guitar, vocals
Gioele :: Lead guitar
Gas :: Bass
David :: Drums

 

Genere:
Death Metal / Grindcore

 

Durata:
40' 39"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
04.05.2014

 

Etichetta:
Razorback Records
[MetalWave] Invia una email a Razorback Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Razorback Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Transcending Obscurity
[MetalWave] Invia una email a Transcending Obscurity [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Transcending Obscurity [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Transcending Obscurity

 

Recensione

Non male il secondo album dei Death/grinders palermitani Haemophagus, che in poco più di 40 minuti arrivano a proporci 12 tracce più intro di una musica prevalentemente dello stile suddetto, ma che in realtà non disdegna anche alcune incursioni nelle soluzioni sonore tipiche del doom mefitico degli Incantation, nonché di trovate stoner.
In pratica, questo cd è così: parte dalla seconda alla sesta canzone parecchio death/grind, con tracce brevi e senza fronzoli e dall’istinto thrash a tratti, come nella splendida “Atrocious”, mentre altrove è lo spirito più tipicamente dei Napalm Death di “Harmony Corruption” a prevalere in “Ice cold prey”, che sono le due canzoni che ho preferito, mentre dalla settima canzone in poi il nostri ragazzi mostrano avere un debole per il doom abbinato al death metal americano, che fa virare la proposta musicale su coordinate sonore più affini agli Autopsy, nonché su qualche riff che definirei addirittura stoner, come nella decima canzone, dove a dir la verità la proposta si attenua un po’ in quanto a intensità musicale, salvo poi rafforzarsi con la potente “Choked...” e nella dodicesima canzone quasi del tutto hardcore. Conclude l’album l’ultima traccia, che consiste in 6 minuti di puro doom/death metal.
L’album è buono e rompe i reni di tante bands fissate col trigger e con sonorità più moderne, ma delude anche un po’ perché se è vero che la band eccelle nei brani veloci, le parti lente sono buone ma non sufficientemente massive né particolarmente disgustose. Hanno sì un suono creepy, ma qui gli Haemophagus possono migliorare. “Atrocious” è comunque un buon album, il cui acquisto è consigliabile a chi vuole tastare il polso all’underground death metal italiano. Ben fatto!

Track by Track
  1. Intro S.V.
  2. Partying at the grave 75
  3. Atrocious 80
  4. Exaltation For A Dying Victim 75
  5. Dismal Apparition 75
  6. Ice cold prey 80
  7. Surgeon Of Immortality 75
  8. Siege Of The Murderous Beasts 80
  9. Swollen With Parasites 75
  10. Naked In The Snow 70
  11. Choked On A Cadaver's Dick 80
  12. The Honourable Society Of Black Sperm 75
  13. From The Sunken Citadel... 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 02.12.2014. Articolo letto 1117 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.