Raimund Burke «Get it - 2.0» (2013)

Raimund Burke «Get It - 2.0» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
29.12.2013

 

Visualizzazioni:
1165

 

Band:
Raimund Burke
[MetalWave] Invia una email a Raimund Burke [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Raimund Burke [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Raimund Burke [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Raimund Burke

 

Titolo:
Get it - 2.0

 

Nazione:
Germania

 

Formazione:
Raimund Burke :: All Instruments

 

Genere:
Instrumental Hardrock

 

Durata:
53' 38"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Raimund Burke è un chitarrista Tedesco che ha riregistrato, come forse il titolo del disco vi farà capire, il suo vecchio album “Get it” uscito ormai anni fa, lasciando la copertina quasi inalterata (e francamente è anche un peccato perché questa è anche un po’ troppo sobria e standard). Ma se la veste grafica non sembra niente di che, la musica è eccellente; seriamente: se siete chitarristi o quantomeno v’interessa sentire un bravo chitarrista fare dei brani simpatici e apprezzabili pur se strumentali, allora questo “get it 2.0” dev’essere vostro.
Perché? Semplice: “Get it 2.0” è un album completissimo e incredibilmente strutturato per quanto riguarda gli altri strumenti, che non certo si limitano a un mero accompagnamento, ma soprattutto è costituito da tracce ammirevoli, simpatiche e che citano diversi chitarristi, pur senza mai essere un lavoro pieno di note ammorbante e senza senso. Al contrario, la chitarra è sempre presente ma mai sovrabbondante e gradevolissima. E tesse delle trame invidiabili soliste con riffs che non sono da meno. Il disco convince con le leggermente più metal oriented “Come on” e “Sunny day” messe in apertura, con la irresistibile title track che cita Satriani all’inizio e Van Halen dopo (sembra di sentire l’andamento di batteria di “Hot for teacher”, passando per la moderata e triste “Balance” al blues/jazz di “Music speaks my mind” fino al rifacimento della famosa “The typewriter”, messa in chiusura. Soltanto la penultima “It happened Tomorrow” non mi ha impressionato, essendo un po’ la stessa cosa della canzone precedente.
Poco da dire: “Get it 2.0” è un album molto godibile, allegro, vivace e ben riuscito. Consigliatissimo, come detto sopra, agli amanti della chitarra solista e ai chitarristi in cerca di un nuovo nome. Consiglierei un ascolto anche a chi disdegna questo tipo di albums, magari è la volta buona che ci si ricrede.

Track by Track
  1. Come on 80
  2. Sunny day 75
  3. Dedicated to 80
  4. Break through 75
  5. Get it 85
  6. Balance 80
  7. Music speaks my mind 80
  8. Friday night 75
  9. The day before 75
  10. It happened Tomorrow 65
  11. The typewriter 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 29.12.2013. Articolo letto 1165 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.