Revelation «Inner Harbor» (2013)

Revelation «Inner Harbor» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
19.04.2013

 

Visualizzazioni:
447

 

Band:
Revelation

 

Titolo:
Inner Harbor

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
John Brenner :: voce, chitarra e tastiere
Bert Hall Jr. :: basso
Steve Branagan :: batteria

 

Genere:
Progressive / Doom Metal

 

Durata:
35' 1"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
30.04.2013

 

Etichetta:
Shadow Kingdom Records
[MetalWave] Invia una email a Shadow Kingdom Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Shadow Kingdom Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Shadow Kingdom Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
ClawHammer PR
[MetalWave] Invia una email a ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di ClawHammer PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di ClawHammer PR

 

Recensione

Devo ammetterlo: pur non disdegnandolo, non sono troppo un fan dello stoner e affini, perché troppo spesso la sostanza sonora è sempre quella, troppo statica e pesante, senza slanci e con la chitarra francamente troppo limitata. Ma a furia di ascoltarlo, non si può negare che la ricerca delle sonorità dei gruppi rock anni 70 da parte delle bands odierne è spesso eseguita nei loro dischi con risultati sorprendenti. E nel caso dei Revelation, trio arrivato al settimo full length e proveniente dal Maryland, la qualità musicale è anche parecchio elevata.
Cosa dovrete aspettarvi da questo disco? Semplice: Progressive doom con varie quantità di psichedelia connesse, evidentissime sin dalla prima nota dell’opener “Inner Harbor” fino a “An allegory of want”, passando per la più blueseggiante e sinistra “Terribilita”, per la più progressive “Rebecca at the well”, passando poi per la più rockeggiante “Eve Separated”, molto alla Orange Goblin, fino alla psichedelia perfettamente combaciante con quella dei Pink Floyd nella canzone conclusiva, che verso la fine del brano cambia atmosfera risultando più massiccia e con un tocco più alla Earth. Il tutto su di una qualità sonora semplicemente perfetta, molto retro styled e soprattutto con la chitarra sugli scudi nonostante il gain dell’amplificatore del chitarrista secondo me non sta settato neanche a metà, e con una veste grafica che, come purtroppo mi capita per i dischi di questo genere, non apprezzo in quanto troppo astratta e poco rappresentativa del disco.
Ma credetemi: questo della veste grafica è per davvero l’unico difetto di questo disco. Per il resto, i Revelation sono una band massivamente ispirata, che merita un ascolto dai non appassionati del genere, mentre gli appassionati di questo genere hanno l’obbligo di acquisto per questo album. Davvero sorprendente. Ben fatto!

Track by Track
  1. Inner Harbor 85
  2. Terribilita 80
  3. Rebecca at the well 85
  4. Eve Separated 80
  5. Jones Falls 75
  6. An allegory of want 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 19.04.2013. Articolo letto 447 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.