Dead Label «Sense Of Slaughter » (2012)

Dead Label «Sense Of Slaughter» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
343

 

Band:
Dead Label
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dead Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Dead Label

 

Titolo:
Sense Of Slaughter

 

Nazione:
Irlanda

 

Formazione:
Dan O' Grady :: Bass, Vocals
Danny Hall :: Guitar
Claire Percival :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
45' 33"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

4Dalla verde Irlanda giungono questi Dead Label, i quali, dalle sparute e incomplete informazioni di cui dispongo non so dire se “Sense Of Slaughter” rappresenta il loro primo lavoro su larga scala ma, avendo precedentemente pubblicato un EP immagino di sì e ci giunge sotto Gordeon Music.
Sarà per l’enorme dose di ingenuità o per il poco lavoro in sala prove ma “Sense Of Slaughter” non riesce a decollare nemmeno per un istante trattandosi di tre quarti d’ora abbondanti di mosh continuo e costante mid-tempo di cui il massimo dell’eleganza lo raggiungono in pochi e insignificanti ritmi terzinati ma senza aggiungere nulla di originale e di assoluta mancanza di originalità sto parlando; per tutti i 45 minuti ho sperato che i brani iniziassero a coinvolgermi ma senza risultato soddisfacente.
I riff (effettuati da una chitarra accordata in modo baritonale, come al solito) sono l’unico elementi che riesce a salvarsi perché, nella loro andatura quasi sempre ritmica, mantengono a galla il disco altrimenti il basso si configura in modo inesistente, forse perché colui che lo suona è più concentrato sui vocalismi ripetutamente urlati in modo ossessivo e noiosissimo inoltre la batteria, prodotta in modo orrendo purtroppo, dà risalto praticamente ai soli doppi colpi di pedale mentre per quanto riguarda la dinamica dei pezzi emerge fin da subito un’atmosfera stantìa, prevedibilissima e stucchevole nemmeno dopo 5 minuti.
Almeno un pezzo dalle ritmiche più veloci e convincenti avrebbero potuto inserirlo ma “Sense Of Slaughter” sembra essere progettato per suonare semi-lento per una sorta di Deathcore completamente fuori tono, eppure si evince che il trio irlandese di carte da giocare ne ha a sufficienza. Quello che non capisco è perché si accontenta di costruire qualcosa che non prende il volo, misteri.

Track by Track
  1. Dead And Gone 40
  2. Sense Of Slaughter 55
  3. Reign 50
  4. Catchecism 50
  5. Dawn Of A New Age 50
  6. Self Immolation 60
  7. Assume Nothing 50
  8. Death 45
  9. Enslavement 40
  10. Rest In Piece 45
  11. Raising The Veil 50
  12. Thrown To The Wolves 40
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 55
  • Qualità Artwork: 50
  • Originalità: 40
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
49

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 343 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.