Overtures «Rebirth» (2011)

Overtures «Rebirth» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Monikuez »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
2305

 

Band:
Overtures
[MetalWave] Invia una email a Overtures [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Overtures [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Overtures [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Overtures [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Overtures

 

Titolo:
Rebirth

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Michele Guaitoli - vocals
Marco Falanga - guitars
Daniele Piccolo - guitars
Andrea Cum - drums
Luka Klanjscek – Bass

 

Genere:

 

Durata:
40' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

"Rebirth" è un piccolo gioiello della la band di Gorizia che, dopo il debutto con "Beyond The Waterfall", fa vedere come la band sia in piena evoluzione. Gli Overtures nascono nel 2003 e fin dal principio non si sono ispirati alle band italiane come Rhapsody Of Fire o Labyrinth, ma sono più vicini al genere tedesco stile Edguy di Tobias Sammet. "Rebirth" è un lavoro molto preciso e curato nei minimi dettagli. L’essenza del lavoro degli Overtures è messo in risalto anche grazie all’ottimo lavoro di masterizzazione di Mika Jussila dei Finvox Studios di Helsinki, che ha collaborato con artisti di tutto rispetto HIM, Nightwish, Edguy. Le strutture delle canzoni sono semplici ed efficaci, con riff di carattere e una dose massiccia di tastiere. Il songwriting dell’album è di carattere. "Here We Fall" è un opener perfetta, ritmiche serrate e graffianti ma allo stesso tempo melodica al punto giusto; "Fly", "Angel" brano decisamente catchy, non a caso è stato scelto per la realizzazione del videoclip; "Farewell" bel pezzo dal chorus orecchiabile che si ricorda già dopo il primo ascolto e che ricorda un po’ i Vision Divine dell’era Luppi. Le belle chitarre del duo Falanga/Piccolo ed il basso di Klanjscek, oltre alle ritmiche di Andrea Cum, sono un tappeto perfetto per la voce di Michele Guaitoli, ugola potente ed espressiva dotato di un’ottima tecnica vocale.
"Rebirth" piacerà soprattutto agli amanti del metal più classico e melodico e dello stile Tobias Sammet; una bella sorpresa e lavoro di ottima qualità che non ha mai cali di stile. Bravi! Put your hands together for Overtures and horns up!

Track by Track
  1. Here We Fall 80
  2. Fly, Angel 85
  3. You Can’t Spit On Me 80
  4. Delirium 80
  5. Farewell 85
  6. Not Too Late 80
  7. The Prophecy 85
  8. My Name Is Fear 80
  9. Easy 80
  10. Daemons 80
  11. Not Too Late (acoustic) 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Monikuez » pubblicata il --. Articolo letto 2305 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.