Warmblood «Promo 2003» (2003)

Warmblood «Promo 2003» | MetalWave.it Recensioni Autore:
HERRERA »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1051

 

Band:
Warmblood
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Warmblood [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Warmblood

 

Titolo:
Promo 2003

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Giancarlo (chitarra e voce)
Elena (batteria)
Ivan (basso)

 

Genere:

 

Durata:
14' 0"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2003

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Definirei un esordio interessante quello dei Warmblood. Questo demo di tre brani, infatti, mostra come, se da un punto di vista puramente tecnico ancora il combo deve crescere (soprattutto la batteria poco incisiva sia nel suono e a tratti scontata nelle scelte ritmiche), da un punto di vista compositivo offre varie e personali soluzioni in un genere, come quello del thrash/death, che da qualche tempo stenta a rinnovarsi. Ciò avviene soprattutto nella terza e ultima canzone del demo "Black Heart", in cui i suoni della chitarra elettrica si fondono e sovrappongono con quelli della chitarra acustica il tutto ottimamente sorretto da sinuosi passaggi di basso molto efficaci per dare un colore particolarmente avvolgente alla canzone. Gli altri due brani, ossia "Witness Of Terror" e "A Dismail Illusion" sono più veloci e diciamo che fanno riferimento alle canzoni di genere, salvo alcune aperture melodiche (soprattutto nei ritornelli) sicuramente più avvicinabili al deth metal made in Sweden. Tuttavia non credo che brani Thrash/Death possano rendere se registrati in maniera casalinga. In effetti questo è un altro caso in cui le idee e il resto ci sono manca solo un suono accettabile, a parer mio in un genere quale il metal la potenza sonora non pùò essere prescissa dal resto: una batteria "fiacca", le linee vocali in secondo piano (anche se ottimamente eseguite con un growl molto basso e potente) e chitarre che spesso affondano completamente il resto. Ovviamente è necessario tener conto che si tratta di un demo, ma tutto sommato mi sento dire che se un gruppo ha delle ambizioni non può permettersi di trascurare nulla nella produzione, qualsiasi sia il prodotto. Questa non vuole essere una critica gratuita bensì un consiglio al trio di Lodi, che curando di più e rifinendo maggiormente degli "angoli" ancora stroppo spigolosi ed evidenti possono rappresentare una via originale di intendere il thrash death in Italia.

Track by Track
  1. Witness Of Terror 60
  2. A Dismail Illusion 60
  3. Black Heart 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 40
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
61

 

Recensione di HERRERA » pubblicata il --. Articolo letto 1051 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.