RHumornero «Umorismi Neri» (2008)

Rhumornero «Umorismi Neri» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
899

 

Band:
RHumornero
[MetalWave] Invia una email a RHumornero [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di RHumornero [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di RHumornero [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di RHumornero

 

Titolo:
Umorismi Neri

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Carlo De Toni :: Vocals + Guitars
Antonio Inserillo :: Vocals + Bass
Giacomo Marcelloni :: Drums
Ettore Carloni :: Guitars

 

Genere:

 

Durata:
42' 15"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2008

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

All’inizio non riuscivo a crederci ma poi ho realizzato! L’unione di Ligabue e dei Velvet è finalmente avvenuta. Ovvio, resta sempre un mio personalissimo parere. I nostri sono portatori di un rock melodico all’ennesima potenza, puro come la neve che cade, tecnico quanto basta per affermarsi tra i musicisti che “sanno suonare bene”, prodotto ottimamente, reso pop dal quell’“easy listening” che ti entra in testa lasciando fin troppe tracce di melodia nel cervello e “costringendoti” (si fa per dire) all’ascolto.

Sono una semi-droga se colui o colei che li sta sentendo ama il primo Ligabue, quello più rock e acceso e il sound dei Velvet e di tutto quel rock melodico italiano SERIO che per anni e anni ci ha accompagnato ai Festivalbar, a Sanremo.
Voglio dire, canzoni come “Il Segreto” e “A Piedi A Casciana” richiamano letteralmente il grande Luciano. Fortunatamente Vasco non viene considerato nelle influenze citate poco sopra, in quanto non lo considero un artista serio, né ora né mai.

Ma tornando ai nostri, posso affermare con assoluta certezza che roba del genere, prima di ora, si trovata soltanto nei sogni più nascosti di tutti quegli individui (me compreso) che hanno denigrato il rock italiano per anni e anni (e come darci torto?!). Ora finalmente qualcosa di serio sembra proprio aver preso il sopravvento su tutta quella mediocrità che serpeggiava incontrastata nelle nostre orecchie; banalità e costruzioni a tavolino apparivano l’unica soluzione…e invece ora no!
Canzoni ottime le loro, trascinano dolcemente la mente verso mondi incantevoli, portano l’ascoltatore ad una situazione di serenità interiore grazie alle soluzioni armoniche ed agli arrangiamenti curatissimi, semplici senza essere banali, niente noia, nessuna ripetizione, solo tanta tanta passione.

“Umorismi Neri” è un ottimo album, ma per definirlo un capolavoro vorrei prima che prendesse piede nelle orecchie di tutte quelle persone le quali erano convinte e rassegnate che in Italia non si potesse più suonare rock melodico in modo serio.

Track by Track
  1. L’Equilibrio 85
  2. L'Inglese 80
  3. Il Conflitto 79
  4. Punto Di Vista 80
  5. Porto I Segni 78
  6. A Piedi A Casciana 85
  7. RH 76
  8. Il Segreto 88
  9. Il Deserto 75
  10. Il Sogno 78
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 899 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.