Strider «Gearheart» (2007)

Strider «Gearheart» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1089

 

Band:
Strider
[MetalWave] Invia una email a Strider [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Strider [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Strider [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Strider

 

Titolo:
Gearheart

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Atoragon :: Vocals and Guitars
Napalm :: Keyboards
Andrè J. :: Vocals
Reanimator :: Drums
Boldro :: Guitars
Neuro :: Bass

 

Genere:

 

Durata:
45' 51"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2007

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli Strider, band Power con all’attivo due demo datate 2003 e 2006, non sono certo gli ultimi arrivati dati i presupposti musicali e compositivi che hanno scelto di intraprendere nel 2000, anno della loro formazione, e poi continuati e resi qualitativamente abbastanza alti.
La band, nel panorama underground umbro è conosciuta come tra le più potenti in grado di mescolare metal estremo e classico, metal moderno e a tratti progressive lasciandosi influenzare da Blind Guardian, In Flames, Strapping Young Lad, Children Of Bodom, Arch Enemy e anche Soilwork.
Non c’è che dire, il tutto fa onore ai nostri che si cimentano in un power asettico all’impatto ma ricco di elementi di cui sopra una volta che il pezzo prosegue nel suo playing.
Le canzoni si lasciano ascoltare benissimo senza far conti con nessun tipo di noia né sbuffi e, come sappiamo, nel power può capitare benissimo, specie al giorno d’oggi dopo aborti come Land Of The Free II degli ormai moribondi Gamma Ray, ma questa è un’altra storia.
Di certo le così tante influenze salvano la vita (musicalmente parlando) alla band che si ritrova a suonare sì Power Metal ma l’elemento “noia” e “ripetitività” viene spazzato via da intrusioni progressive e in questo faccio i miei personali complimenti al tastierista NapalM che, quanto pare sembra apprezzare Jordan Rudess, da ciò che ho avuto modo di ascoltare.
L’unico neo è quella sporadica imprecisione negli attacchi e nei riff che qua e là rischia di non rendere la canzone credibile fino in fondo. Io dico che musicisti così bravi possono permettersi di fare anche di più quindi ragazzi dateci sotto! Per ora il mio giudizio è più che buono!

Track by Track
  1. Dark Clouds 75
  2. No Rest 80
  3. Shining Ttwice 75
  4. Skinless 75
  5. Gearheart 83
  6. Perseverance Pays 75
  7. Eternal Secondcomer 86
  8. Green Eyes 75
  9. North Star 79
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 79
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1089 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.