«Sawthis (Youniverse Release Party)»

Data dell'Evento:
05.10.2013

 

Nome dell'Evento:
Sawthis (Youniverse Release Party)

 

Band:
Sawthis [MetalWave] Invia una email a Sawthis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sawthis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sawthis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Sawthis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Sawthis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Sawthis
Hybrid Circle [MetalWave] Invia una email a Hybrid Circle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Hybrid Circle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Hybrid Circle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Hybrid Circle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Hybrid Circle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Hybrid Circle

 

Luogo dell'Evento:
Orange Rock Cafe

 

Città:
Pescara (PE)

 

Promoter:
Orange Rock Cafe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Orange Rock Cafe

 

Autore:
Snarl»

 

Visualizzazioni:
3767

 

Live Report

[MetalWave.it] Immagini Live Report: Hybrid Circle Setlist Il 5 Ottobre all’Orange Rock Café va in onda uno dei primi eventi maggiormente attesi dopo la riapertura estiva, ovvero il concerto di lancio dei brani nuovi dei Sawthis, uno tra i gruppi di punta dell’underground abruzzese dopo il successo ottenuto dai precedenti full length e in particolare dall’ultimo, anche se ancora per poco, “EGod”, che presto sarà rimpiazzato dal nuovo “Youniverse”.
C’è tempo tuttavia per una band di apertura da Lanciano non molto nota a Pescara, ma che facilmente dopo questo concerto non avrà difficoltà ad avere nuovi seguaci per la riuscita del proprio concerto: gli Hybrid Circle.
Proporre un concerto fatto da 6 membri, con due chitarre a 8 corde, un basso a 5 corde e pure la tastiera senza che la cosa si riduca a un qualcosa di incomprensibile o di estremamente pretenzioso è molto difficile, specie per un gruppo underground, eppure malgrado la chitarra del fondatore Simone di Cicco sulle prime fosse troppo bassa, il concerto fila via liscio e tranquillo, ben suonato, abbastanza ordinato nei suoni e molto coinvolgente a livello musicale, sicuramente con una nutrita schiera di fans provenienti dalla stessa città degli HC, ma che via via, all’aumentare dei brani coinvolge l’intero Orange Rock Cafe con una tracklist quasi completamente incentrata sull’ultimo “Before history”, uscito nel 2012, e non più di un brano per i precedenti albums, per un totale di 9 pezzi e circa 45 minuti di musica scorrevole, ben gradita dal pubblico e che fa, come al solito, tutto ciò che deve fare una band d’apertura, ovvero scaldare l’audience per il gruppo headliner. In questo caso non solo gli Hybrid Circle ci sono riusciti, ma sono riusciti anche a convincere di per sé, anche per via di una musica invero non molto dissimile nella proposta da quella dei Sawthis, senza quindi stonature di gruppi che non c’entravano niente. Ben fatto, e ci si aspettano in futuro più date insieme per queste bands, che sembrano proprio essere in sintonia. Voto: 77/100.
Il buon concerto degli Hybrid Circle rende l’attesa per il concerto dei Sawthis quasi rilassata e tranquilla, senza pressioni e nessun tipo di scazzo dilagante. C’era attesa per questo concerto, perché “EGod” dei Sawthis fu uno dei rari casi in cui la musica, pur se moderna e anche un po’ strizzante l’occhio a certi trends attuali, non fece prigionieri e convinse sia gli amanti della nuova scuola, sia amanti dell’old school, per via di trovate melodiche (tipo il ritornello di “Act of Sorrow”) valide e davvero irresistibile, e quindi la gente voleva i nuovi brani da sentire, che però per questa serata sarebbero stati suonati con un turnista a rimpiazzare Adriano Quaranta, uno dei membri di sempre della band.
La band parte e propone una scaletta incentrata per poco più di metà sui brani del nuovo “Youniverse”, decisamente più hardcoreggiante e meno incline alle melodie di “EGod”, per concedere due brani al precedente album e solo uno al primo “Fusion”. E in realtà non c’è molto da dire: i Sawthis posseggono totalmente il locale e lo devastano sin dall’opener nuova di zecca “The logical colors”, passando per le arcinote “Mr Zero” e “Act of sorrow” (l’unica dove il presente ma non partecipante Adriano Quaranta ha suonato la chitarra) che fungono anche da picco del concerto sul pubblico che non può fare altro che recepire vangate su vangate da parte di una band che, a detta di alcuni partecipanti al concerto, dimostra una tale professionalità, potenza e capacità da meritare ben altri palchi di quello del pur ben noto e ambito Orange Rock cafe di Pescara. In tutta sincerità, non posso che essere totalmente d’accordo. E se voi siete dubbiosi, il mio consiglio è quello di andare a vedere un concerto di questi 5 ragazzi. Non ve ne pentirete. Voto: 85/100.
A fine della serata, i sorrisi abbondano tra il pubblico: un concerto che non ha fatto una grinza, con un antipasto onorevolissimo e una portata principale coi fiocchi e totalmente soddisfacente. I nuovi lavori di queste bands promettono bene. Dategli una possibilità.

 

Immagini della Serata

 

Recensione di Snarl Articolo letto 3767 volte.

 

Articoli Correlati

News
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.