Varego «Varego» (2021)

Varego «Varego» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
25.07.2021

 

Visualizzazioni:
419

 

Band:
Varego
[MetalWave] Invia una email a Varego [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Varego [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Varego [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Varego

 

Titolo:
Varego

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Davide Marcenaro - voce, basso
Alberto Pozzo - chitarra
Simon Lepor - batteria

 

Genere:
Stoner Rock / Post Metal

 

Durata:
28' 34"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
11.06.2021

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
Distrokid
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Distrokid

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Sonorità potenti in casa dei genovesi Varego alle prese con il quarto disco della propria carriera sviluppato su un concentrato grunge, stoner rock, post metal e prog rock che ben mette in evidenza una nuova, inedita evoluzione sonora oscura ma pur sempre viva e dinamica dall’inizio alla fine. Interessanti i vari refrain che caratterizzano le soluzioni scelte dalla band tra contesti melodici e assetti ritmici particolarmente spinti. Il buon clean, immancabilmente con puntate più acerbe dovute per l’appunto dallo stile sonoro miscelato della band e dal quale si propaga un immancabile senso di disagio nei confronti del mondo odierno, riesce a tenere sempre alta la tensione dando grande prova di espressiva capacità. Anche i suoni molto coesi sviluppano al meglio la propria attrattività a cominciare dall’opener “Tunnel” un brano caratterizzato dalla miscela esplosiva del combo che si propaga anche con la particolarissima e successiva “Limbo”; situazione più moderata con “Death” un brano dalle oscure fattezze che ben presto da spazio a “Needles” altro brano che rievoca una potente miscela tra distorti e compattezza e forte di un orecchiabile ritornello cantato; l’ascolto prosegue poi con la più grintosa “One”, sempre di matrice oscura ma complessivamente soddisfacente nei contenuti e nella ritmica caratteristica; “Wave”, diventa invece più aggressiva soprattutto nell’impostazione del cantato sferzato dal corale clean; conclude il disco “Raptus” la cui apertura acustica contestualizza in alternanza successivi momenti più graffianti. Il disco si caratterizza per contenuti e idee valide che ancora una volta ci lasciano apprezzare l’estro che questa band ha nel proprio DNA.

Track by Track
  1. Tunnel 70
  2. Limbo 75
  3. Death 70
  4. Needles 70
  5. One 75
  6. Wave 75
  7. Raptus (Un passo e muori) 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 25.07.2021. Articolo letto 419 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.