Survive «Immortal Warriors» (2019)

Survive «Immortal Warriors» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
23.07.2020

 

Visualizzazioni:
339

 

Band:
Survive
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Survive [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Survive [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Survive

 

Titolo:
Immortal Warriors

 

Nazione:
Giappone

 

Formazione:
- Voice, Guitars :: NEMO;
- Guitars :: GAKU;
- Bass :: SINJILOW;
- Drums :: SHINTAROU;

 

Genere:
Metal

 

Durata:
46' 25"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
24.09.2019

 

Etichetta:
Sliptrick Records
[MetalWave] Invia una email a Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sliptrick Records

 

Distribuzione:
Dead Pulse
[MetalWave] Invia una email a Dead Pulse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dead Pulse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dead Pulse

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il trio giapponese dei Survive, sotto l’egida della Sliptrick Records, rilascia questo settimo, granitico full lenght della propria carriera omaggiandoci di ben undici brani, l’ultimo dei quali dedicato niente di meno che ai Metallica con la cover di Master Of Puppets; “Immortal Warriors”, si presenta come un disco che con una certa nonchalance, offre una vera miscela esplosiva tra death, thrash metal e addirittura heavy metal non tanto nella struttura dei brani ma prevalentemente nei lead solo. L’ascolto, al di là dello spessore compositivo, genera un sound dal sapore oscuro, mai scontato ma dannatamente attraente nei contenuti; la batteria è una vera e propria macchina da guerra, quasi a ricordarci la potenza di un’altra grande band death metal nipponica come quella dei Rise, mentre la sezione ritmica della chitarra è graffiante e allo stesso tempo melodica; ottimo il cantato tipico e in piena sintonia con la potenza strutturale dei brani. Dopo la mazzata dataci da “Degenerate”, brano d’apertura e la successiva “ Wrath” è la volta di “Immortal Warriors” un brano molto tecnico in apertura e assai melodico nei contenuti un vero macigno; mentre “Tears Of The Victims” offre un quadro compositivo ritmico decisamente violento e potente nei contenuti in cui emerge al meglio tutto il tecnicismo del trio nipponico; altro ottimo brano è indubbiamente “ Obey Your Own Army Corps” dove un ritornello cantato in clean sferza l’inaudita potenza ritmica; si procede ancora con “Programmed Slaves”, un brano ritmicamente un po’ alla At The Gates ma tutto sommato dai contenuti sempre di altissimo livello; da ricordare ancora “Control The Darkness” forte questa volta di qualche elemento di matrice epica efficiente ma nulla di più; conclude poi “Blood And Sacrifice” un brano dalle fattezze quasi sinfoniche dannatamente completo in ogni singolo attimo di ascolto. Come sopra accennato, la cover dedicata ai Metallica rivela un’esecuzione normale ma nulla di elaborato. Un disco potente, efficace e d’impatto che difficilmente non ameranno i cultori del death thrash metal in un’ottica più larga del previsto.

Track by Track
  1. Degenerate 75
  2. Wrath 80
  3. Immortal Warriors 80
  4. Tears Of The Victims 75
  5. Killing Field 80
  6. Obey Your Own Army Corps 80
  7. Programmed Slaves 80
  8. Wither My Dying Blood 80
  9. Control The Darkness 75
  10. Blood And Scrifice 85
  11. Master Of Puppets S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 23.07.2020. Articolo letto 339 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.