Confessions Of A Traitor «Guided» (2019)

Confessions Of A Traitor «Guided» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
06.06.2020

 

Visualizzazioni:
186

 

Band:
Confessions Of A Traitor
[MetalWave] Invia una email a Confessions Of A Traitor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Confessions Of A Traitor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Confessions Of A Traitor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Confessions Of A Traitor

 

Titolo:
Guided

 

Nazione:
U.k.

 

Formazione:
- Stephen MacConville ::
- Jack Darnell ::
- Jacob Brand ::
- Tony Nagle ::
- Seb Olrog ::

 

Genere:
Metalcore / Hardcore

 

Durata:
44' 16"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
18.10.2019

 

Etichetta:
Sliptrick Records
[MetalWave] Invia una email a Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sliptrick Records

 

Distribuzione:
Dead Pulse
[MetalWave] Invia una email a Dead Pulse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dead Pulse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dead Pulse

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I caratteristici presupposti del Metalcore ci sono tutti in questo disco degli inglesi Confession Of A Traitor intitolato “Guided” dove dodici brani dall’indole cazzuta e dall’inconfondibile vena melodica impegnano l’ascoltatore per quaranta minuti facendolo sobbalzare ripetutamente dalla sedia. Diciamo che stilisticamente il disco c’è, ma tecnicamente si mantiene su un livello medio più che altro peccando di personalità su ciò che può essere qualche idea diversa rispetto al solito. Ottima indubbiamente l’interpretazione dello scream, sempre pronto ad offrire le proprie più diverse attitudini tra i potenti riff e le relative strutture compositive. In ogni caso punto maggiormente apprezzabile sono i numerosi groove di cui si serve la band e una superdose di vena melodica che caratterizza ogni singolo brano. Brani come “Design Me”, “Myra” e “Ocean Air” ne sono un tipico esempio al pari anche di altri tra cui “Early Hours”, uno dei brani forse meglio riusciti, e “White Whale” oscuro nell’apertura ma dall’effetto micidiale per quanto attiene alla potenza sprigionata dalla band. Un disco che indubbiamente non nasconde il potenziale di questa band che, forte di due Ep alle proprie spalle, ha tentato il colpaccio con questo disco che nel complesso, ha un buon contenuto ma che purtroppo al di là della tecnica e quant’altro, sotto un profilo innovativo e personale non ha molto da proporre.

Track by Track
  1. Kansas S.V.
  2. Twelve 70
  3. Design Me 80
  4. A Truthful Heart 70
  5. Myra 75
  6. Ocean Air 75
  7. Rai 70
  8. Early Hours 85
  9. Churchill 70
  10. White Whale 80
  11. Fearless 70
  12. Collateral 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 06.06.2020. Articolo letto 186 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.