Frijgard «Chapter Zero» (2019)

Frijgard «Chapter Zero» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
16.07.2019

 

Visualizzazioni:
148

 

Band:
Frijgard
[MetalWave] Invia una email a Frijgard [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Frijgard [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Frijgard [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Frijgard [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Frijgard [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Frijgard

 

Titolo:
Chapter Zero

 

Nazione:
Svizzera

 

Formazione:
- Michael :: Guitars;
- Alex :: Guitars;
- Maximilian :: Drums;
- Sandro :: Vocals, Bass;

 

Genere:
Pagan Black Metal

 

Durata:
48' 16"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.06.2019

 

Etichetta:
Art Gates Records
[MetalWave] Invia una email a Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Art Gates Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

All’attivo già da una decina di anni, gli svizzeri Frijard ci regalano un emozionante “Chapter Zero”, un disco di otto tracce che racchiude un death pagan metal dai toni decisamente moderati ma in cui l’effetto e l’apprezzamento dei contenuti non mancano affatto a cominciare dalle tematiche trattate che affrontano i contenuti di una storia riconducibile alle stesse che cercano di salvare gli abitanti del pianeta terra. Suoni pesanti e nitidi rendono l’ascolto piacevole sin dalle prime batture dove un growl non troppo cattivo detta legge tra una nota e l’altra dando l’impulso necessario ad apprezzare al meglio ogni singolo dettaglio del lavoro. Andature prevalentemente moderate stendono la propria indole metal dinanzi a contenuti estremamente curati in ogni singolo dettaglio; riff pacati ma anche assetti ritmici talvolta particolarmente accelerati, caratterizzano i contenuti di questo disco al punto da renderlo un piccolo gioiello di significativo valore. Piacevoli all’ascolto anche i vari lead che caratterizzano le tracce molto spesso diversificate per la lunghezza che va a caratterizzarne le melodie rispetto ai contenuti cantati. Il timbro vocale ricorda a tratti un Tom Angelripper degli ultimi Sodom ma indubbiamente la struttura dei brani è assolutamente diversa rispetto a quella dello storico combo tedesco. Un disco che vivamente consiglio agli amanti del death pagan metal che inevitabilmente racchiude nei suoi particolari contenuti anche una buona fetta di Blakened Metal.

Track by Track
  1. Blazing Ark 80
  2. Blurry Horizon 80
  3. Falling Stars 80
  4. Crimson Skies 80
  5. Haven 80
  6. Red Lines Crossed 85
  7. Aftermath 85
  8. Tilia 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 16.07.2019. Articolo letto 148 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.