Vitriol «Pain Will Define Their Death» (2018)

Vitriol «Pain Will Define Their Death» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
23.01.2019

 

Visualizzazioni:
174

 

Band:
Vitriol
[MetalWave] Invia una email a Vitriol_ [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Vitriol_ [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Vitriol_

 

Titolo:
Pain Will Define Their Death

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
- Kyle Ras mussen :: Guitars, Vocals;
- Adam Roethlisberger :: Bass, Vocals;
- Scott Walker :: Drums;

 

Genere:
Death Metal

 

Durata:
16' 8"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
30.11.2018

 

Etichetta:
Everlasting Spew Records
[MetalWave] Invia una email a Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Everlasting Spew Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Per tutti gli assatanati di death metal, è da poco in uscita questo Ep da parte degli americani Vitriol, band proveniente da Portland, che celebra tutta la propria brutalità nei quattro brani racchiusi in questo Ep “Pain Will Define Their Death” che richiama non poco le gesta di band quale Hate Eternal in primis oltre a Nile e via discorrendo. La band si distingue, al di là della discreta produzione del disco, anche da una simmetria compositiva particolarmente schietta e non confusionaria stante le andature tirate. Il tutto si sviluppa in sostanza tra sonorità nitide dalle quali ben traspare la matrice e la tecnica che contraddistingue il terzetto d’oltreoceano. I quattro brani risultano nella loro complessità diversi l’uno dall’altro: l’ottimo growl si scaglia tra i cattivissimi riff della chitarra e l’annessa quanto folle esecuzione della batteria. Non è difficile assistere anche a passaggi meno tirati ma particolarmente elaborati da una incessante macchina da guerra che forgia a dovere i propri obiettivi. A conclusione, l’ Ep lascia ben promettere bene l’uscita di un più che interessante, futuro full lenght abbastanza connesso con lo stile e le caratteristiche delle band sopra richiamate.

Track by Track
  1. Pain Will Define Their Death 75
  2. Victim 75
  3. Violence, A Worthy Truth 75
  4. The Parting Of A Neck 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 23.01.2019. Articolo letto 174 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.