Sailing To Nowhere «To The Unknown» (2015)

Sailing To Nowhere «To The Unknown» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
19.09.2015

 

Visualizzazioni:
1398

 

Band:
Sailing To Nowhere
[MetalWave] Invia una email a Sailing To Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sailing To Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Sailing To Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Sailing To Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Sailing To Nowhere

 

Titolo:
To The Unknown

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
MARCO PALAZZI: VOCALS
VERONICA BULTRINI: VOCALS
ANDREA LANZILLO: GUITAR
LIVIA CAPOZZI: KEYBOARDS
CARLO CRUCIANI: BASS GIOVANNI NOE': DRUMS

Guests:
- Terence Holler (Eldritch)
- Leonardo Porcheddu (Kuprij e Macaluso)
- Valentina de Iuliis
- David Folchitto (StormLord, Prophilax)

 

Genere:
Melodic Power Metal / Hard Rock

 

Durata:
44' 48"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
16.10.2015

 

Etichetta:
Bakerteam Records
[MetalWave] Invia una email a Bakerteam Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Bakerteam Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bakerteam Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Una band veramente interessante quella dei Sailing to Nowhere, un pò per la valida formazione e un pò per la musica che sono in grado di creare.
Se parliamo di power metal con una bella contaminazione di viking non troppo aggressivo o "machista", questi ragazzi (è proprio il caso di dirlo) stanno nel pezzo.
In tutte le nove tracce contenute nel disco possiamo trovare una coerenza degna di nota.
Ognuno di loro fa il suo dovere artistico in modo adeguato: il connubio di voci Marco e Veronica è azzeccato e sempre ben bilanciato; Andrea, Carlo e Giovanni sanno suonare potenti e decisi con doppia cassa e riffoni; infine, la brava Valentina dona quel tocco melodico che, sinceramente, apprezzo sempre perché permette di alleggerire questo genere (il quale delle volte potrebbe risultare un pò pomposo).
Ogni canzone ha una sua peculiarità: la potente No Dreams in My night, la varia Fallen Angel, il singolo e video di sicuro effetto Sailing to Nowhere, ma anche sonorità più dolci come la bella Sweet Rain o la sorpresa finale Left Outside Alone reinterpretata in maniera originale e, tutto sommato, piacevole.
Io credo che il risultato di To The Unknown sia valido e mi sento sicura di potervi consigliare l'eventuale acquisto dato che parliamo di un gruppo di talento con qualcosa da dire. Se non amate il genere forse non fa esattamente per voi, ma rimane comunque un buon album.

Track by Track
  1. No dreams in my night 70
  2. Big fire 70
  3. Fallen angel 75
  4. Lovers on planet earth 75
  5. You won't dare 70
  6. Strange dimension 70
  7. Sailing to nowhere 70
  8. Sweet rain 75
  9. Left outside alone (Anastacia cover) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
72

 

Recensione di reira » pubblicata il 19.09.2015. Articolo letto 1398 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.