Vanexa «Vanexa» (2014)

Vanexa «Vanexa» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
18.08.2014

 

Visualizzazioni:
1399

 

Band:
Vanexa
[MetalWave] Invia una email a Vanexa [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vanexa

 

Titolo:
Vanexa

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Marco Spinelli :: Vocals
Sergio Pagnacco :: Bass
Silvano Bottari :: Drums
Roberto Merlone :: Guitars

 

Genere:
Heavy Metal

 

Durata:
45' 12"

 

Formato:
Vinile 12"

 

Data di Uscita:
10.05.2014

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Spider Rock Promotion
[MetalWave] Invia una email a Spider Rock Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Spider Rock Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Spider Rock Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Spider Rock Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Spider Rock Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Spider Rock Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Spider Rock Promotion

 

Recensione

Beh ragazzi, che dire per questa ristampa su vinile targata 2014 a nome Durium Records del primo disco in assoluto heavy metal mai fatto in italia: sono i Vanexa. Sono gli stessi Vanexa dove circolava il più famoso Rob Tyrants dei Labyrinth, gli stessi il cui video di “Metal City Rockers” suonato su Rai Tre negli anni 80 è disponibile su youtube e fa ancora tante views, gli stessi Vanexa che se frequenti qualche circolo di amanti del metal anni 80 italiano sicuramente conosceranno il nome di questa band savonese.
Se appartenete a questa fascia di pubblico, la nuova ristampa di questo LP, con tre bonus tracks, cioè “Sunshine in her eyes”, “Rebellion” e “One night woman” appartenenti a dei loro vecchi demo, non può scapparvi, anzi è un acquisto obbligatorio, non fosse altro per valore storico visto che come detto prima, e ripetuto, questo è il primo disco heavy metal mai fatto in italia che ormai ha passato il trentennale, e che ha fortemente bisogno di più visibilità davanti ad un pubblico italiano che sembra essere sempre più soggiogato alla musica e alle chiacchiere esistenti su social network e non nella vita reale. A riascoltare queste note si risente quasi quel feeling, di musica fatta per proporre davvero qualcosa di diverso, esistente davvero solo come underground e tramite una serie di piccole webzines disegnate a mano, e dove l’apparizione su di una compilation o il deal con una casa discografica non era una roba alla portata di qualsiasi band e di qualsiasi label indie senza agganci, ma consisteva in un vero e proprio evento di vita che i Vanexa sono riusciti ad avverare insieme a tanti altri che avete visto e vedrete spesso nei sempre più frequenti concerti a tema in Italia, insieme ad altri come Fingernails, Strana Officina, Bulldozer e altri ancora. Un consiglio? Avvicinatevi a questa musica, non ve ne pentirete, mentre per chi già sa di cosa parlo, l’acquisto è obbligatorio e eludibile solo se avete già comprato qualche ristampa precedente. Il voto, pura formalità in questo caso, si basa unicamente sul valore storico, inferiore solo a quello dei nomi internazionali storici.

Track by Track
  1. A. Metal City Rockers 95
  2. A. Lost War Sons 95
  3. A. I Wanna See Fires 95
  4. A. 1000 Nights 95
  5. A. Rebellion 95
  6. B. If you Fear the Pain 95
  7. B. Across the Ruins 95
  8. B. Rainbow in the Night 95
  9. B. Sunshine in her Eyes 95
  10. B. One Night Women 95
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 95
  • Qualità Artwork: 95
  • Originalità: 100
  • Tecnica: 95
Giudizio Finale
95

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 18.08.2014. Articolo letto 1399 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.