Infest «Everlasting Genocide» (2011)

Infest ĢEverlasting Genocideģ | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1706

 

Band:
Infest
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Infest [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Infest [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Infest

 

Titolo:
Everlasting Genocide

 

Nazione:
Serbia

 

Formazione:
Zoran Sokolovic :: vocals, guitars
Tyrant :: lead guitars
Khil :: bass
Zombie :: drums

 

Genere:

 

Durata:
28' 53"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Giunti ormai al terzo album della loro discografia, gli Infest (da non confondere con il gruppo death francese omonimo sempre ivi recensito) fanno ben capire che anche in Serbia la scena del metal estremo funziona ed è fruibile.
Portatori di un discreto thrash/death metal, i nostri, dopo una intro completamente anonima (a cosa serviranno mai tracce introduttive nei dischi thrash/death resterà sempre per me un mistero) partono in quinta con tutta la furia di cui sono capaci, senza nessun compromesso e fregandosene altamente se il 70% di “Everlasting Genocide” sembra uscito dalla mente dei loro colleghi polacchi Vader sebbene questi ultimi appaiano estremamente più tecnici e capaci, non è un fatto arcano.

Questa mezzoretta scarsa di inferno passa tranquillamente e senza alcun intoppo dovuto a parti poco o per nulla accessibili, niente di tutto questo, credetemi, la musica degli Infest serbi è un susseguirsi di thrash vecchio stampo e continui sguardi al death old school sopratutto per ciò che concerne il modo di cantare di Zoran Sokolovic, rabbioso e furioso come non mai.
I riff non sono nulla che va a togliere o aggiungere ad un genere che tante ne ha viste ma che tante ne sta ancora dicendo nonostante tutto ma ciò che salva l'ascolto di “Everlasting Genocide” e che al tempo stesso ne consacra il valore sufficiente è questa assoluta (e, immagino, voluta) mancanza di ricercatezza nel sound. Credo che al quartetto serbo poco importi di mettersi a sperimentare chissà cosa.
Buon disco da macchina, ma per brillare occorre molto di più.

Track by Track
  1. Intro 50
  2. Upon The Suffering 60
  3. Stronger Than Any God 60
  4. Deathrash Sodomy 65
  5. Conspiracy is Reality 70
  6. Swallowed in hate 65
  7. Everlasting Genocide 65
  8. Daggers Into Slaves 70
  9. Screaming In Butchery 65
  10. Horde ( Bombarder cover) 45
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
63

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1706 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
Concerti