Hiems «Cold Void Journey» (2005)

Hiems «Cold Void Journey» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Lord Lucyfer »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
834

 

Band:
Hiems
[MetalWave] Invia una email a Hiems [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Hiems [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Hiems [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Hiems

 

Titolo:
Cold Void Journey

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Algol - voce, chitarra, basso
Gionata Potenti - batteria (session)

 

Genere:

 

Durata:
47' 44"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2005

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ci sono dei gruppi della scena Black italiana che sono contornati da un’aurea di leggenda. È così per gruppi quali Spite Extreme Wing (ancor prima che orde di ragazzini cominciassero a nominarli), Malvento, Adversam… Ed è così anche per gli Hiems, glaciale e marcia creature che vede in Algol (bassista dei Forgotten Tomb, batterista dei Frangar e chitarrista dei The Tombers) come mastermind ed unico membro della band.
Cold Void Journey è il primo album di Hiems, dopo 3 demo tape rilasciate fra il 1997 ed il 1999. In questo cd, l’eclettico Algol viene aiutato, alla batteria, da una garanzia assoluta: Gionata Potenti, drummer di Handful Of Hate e Frostmoon Eclipse. CVJ è un disco di puro, semplice, malvagio Black Metal, suonato con una tecnica invidiabile, prodotto in maniera spaventosa: nove pezzi glaciali, ferali, assassini. Nove perle assolute per un album che ogni adepto della Nera Fiamma dovrebbe avere. Pezzi come l’opener “For Truth Is Death’s Blossom” o la seguente “Thorn” o ancora la splendida “The Reaper” non passano senza aver lasciato il segno.
Ci sono bands che sono destinate ad entrare nella leggenda. Ce ne son altre che già lo sono. Hiems è fra quest’ultimi. Una leggenda tornata dopo 6 anni di silenzio per restare, e magari prendersi il trono della scena Nera italica. E sinceramente, Algol è sicuramente capace di ciò.
Disco imperdibile.

Track by Track
  1. For The Truth Is Death's Blossom 85
  2. Thorn 88
  3. Painted Black 85
  4. Sign Of The Hammer 87
  5. The Reaper 90
  6. Negative Zer0 87
  7. Ulcisci 88
  8. I Choose The Path Of Inhumanity 90
  9. The Last Sunset 87
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 78
  • Originalità: 72
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
84

 

Recensione di Lord Lucyfer » pubblicata il --. Articolo letto 834 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
Concerti