GrimNote «Screaming Underground» (2012)

Grimnote «Screaming Underground» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1622

 

Band:
GrimNote
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di GrimNote [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di GrimNote

 

Titolo:
Screaming Underground

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Edoardo Fusaro :: Vocals, Percussions
Giovanni Bergamin :: Guitars, Backing Vocals
Antonino Isca :: Bass
Marco Zanini :: Drums, Percussions

 

Genere:

 

Durata:
46' 17"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Nonostante la loro giovane età, i quattro ragazzi della band dei GrimNote escono fuori pregni di passione e con tutta l’aria di aver imparato la lezione impartita da un Rock che abbraccia almeno 35 anni di durata.
I nostri nascono nel 2009 e nel 2011 pubblicano la loro prima demo, non certo appagati da questo proseguono per la loro strada e arrivano al debut-album freschi e preparati perciò eccovelo qui, si chiama “Screaming Underground” e ci testimonia un entusiasmo davvero degno di nota, entusiasmo che proviene da una passione per il Rock davvero palpabile e questi 46 minuti dell’album, benché ancora accostabili a quello che potrebbe essere un frutto un po’ acerbo, denotano una grande spinta e un futuro ben più che roseo per i nostri a patto che il lavoro in sala prove continui più saldo e motivato che mai.
Il disco ha una sonorità non modernissima e ciò ci riporta piacevolmente indietro di almeno vent’anni se non più; l’audio è stato curato dal produttore, fonico e arrangiatore Riccardo Damiani e vede anche la preziosa presenza del tastierista Alessandro Moro, importante figura che all’interno di qualche brano riesce con disinvoltura ad arricchire non poco le atmosfere (ad esempio la semi-ballad “Burning My Sky”) senza tuttavia risultare soffocante.
Guests, pianoforti ed hammond a parte, il quartetto dimostra di possedere serie e non indifferenti capacità per percorrere una strada che pur essendo in salita non appare troppo fitta di ostacoli per loro del resto con una disarmante naturalezza i nostri se la cantano e se la suonano per più di tre quarti d’ora abbondanti mostrandoci ciò di cui sono effettivamente capaci, ossia non poco. Qualche pecca qua e là per colpa di una giovanile ingenuità ma nulla di cui preoccuparsi troppo, del resto stiamo parlando della prima release ufficiale dei GrimNote su lunga distanza; è un passo importante e la band non sembra averlo intrapreso più lungo della sua gamba anche se a parer mio avrebbero anche le carte per osare di più sia per quanto riguarda i già buoni soli di chitarra del bravo Bergamin che per le ritmiche del preciso Zanini. Per ciò che concerne la voce non ho davvero nulla da dire: Eduardo Fusaro sa giostrarsela molto bene con quel tono graffiante e tendente allo stile d’oltreoceano.
“Screaming Underground” non è un disco particolarmente amalgamato e la disposizione della sua track-list, a mio avviso, non è il massimo in quanto, verso la metà del tutto, si registra un po’ di vacillazione e noia generale ma per fortuna il tutto acquista una piega migliore verso le ultime tracce.
Che dire, come primo album non è andata male ma di lavoro ce ne è da fare ancora per poter emergere dalla mischia.

Track by Track
  1. Screaming Underground 70
  2. Pirati 60
  3. Mistery 65
  4. 27 Coffees 65
  5. Burning My Sky 65
  6. La Meta Lontana 55
  7. Beautiful Tits 60
  8. Mirando El Mar 60
  9. Sad Reality 70
  10. Crow Will Come 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
65

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1622 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports