Lonesome Heroes «On Fire» (2020)

Lonesome Heroes «On Fire» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
26.08.2021

 

Visualizzazioni:
231

 

Band:
Lonesome Heroes
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Lonesome Heroes

 

Titolo:
On Fire

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Stefano Bassani :: Vox, Guitars
Massimiliano Rosano :: Guitars
Daniele Sinistro :: Bass
Andrea Iannotta :: Drums

 

Genere:
Heavy Metal / Rockabilly

 

Durata:
40' 5"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
21.09.2020

 

Etichetta:
GhostLabel Record
[MetalWave] Invia una email a GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di GhostLabel Record

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Questo “On fire” dei Lonesome Heroes da Roma costituisce un esempio di Punk/Rock/Metal per bikers, amanti di musica tipo Volbeat e simili, che nei suoi 40 minuti non si sogna di riscrivere la storia della musica, né di essere chissà quale punto di riferimento, ma solo un disco onesto e apprezzabile dai fans del genere.
È infatti evidente che “On fire” non è un disco originale, visto che ogni suo brano prende a piene mani dai classici del punk/rock, e ne sfrutta l’influenza, per un risultato godibile ma anche riconducibile agli sforzi di altre bands. Ne siano un esempio “Born to lose” chiaramente influenzata dai Motorhead e anche da certa musica di Billy Idol, “Too late” che viene influenzata dai Dead Kennedys, “Sinners Parade” in stile Greenday, i Misfits nella title track, passando per gli anni 80 di “Don’t believe me” e con Elvis Presley tributato con una cover in stile Punk/Rock/Metal alla Volbeat, tangibile nella seconda metà dell’album. Fortunatamente, però, a questa mancanza di originalità abbastanza endemica, i LH comunque suonano sempre godibili e piacevoli, le cui canzoni scorrono con un buon tiro, una buona produzione che non oscura la band ma si limita a esaltarne il sound.
Insomma: “On fire” non è tanto per metallari quanto più per amanti di musica tipo Volbeat e affini e non è molto originale, ma comunque riesce a svolgere molto bene il proprio compito e nel suo campo svolge il proprio lavoro di intrattenimento in maniera egregia. Se questo stile di musica vi piace e se cercate qualcosa in stile beach rock, perché non devolvere 10 euro all’acquisto di quest’album?

Track by Track
  1. Don't believe me 70
  2. Born to lose 70
  3. Too late 70
  4. Romance is dying 70
  5. Ride or die 70
  6. Sinners Parade 70
  7. On fire 70
  8. Lonesome driver 70
  9. Suspicious Mind (Cover Elvis Presley) S.V.
  10. Dead California 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 26.08.2021. Articolo letto 231 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.