AA.VV. (Nazioni Varie) «Demolition Derby Vol. 2» (2020)

Aa.vv. (nazioni Varie) «Demolition Derby Vol. 2» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
16.03.2021

 

Visualizzazioni:
108

 

Band:
AA.VV. (Nazioni Varie)

 

Titolo:
Demolition Derby Vol. 2

 

Nazione:
Varie

 

Formazione:
Various Artists

 

Genere:
Vari

 

Durata:
37' 22"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
23.10.2020

 

Etichetta:
Retro Vox Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Retro Vox Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Retro Vox Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Retro Vox Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Retro Vox Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Metaversus - Press & Promo
[MetalWave] Invia una email a Metaversus - Press & Promo [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Metaversus - Press & Promo

 

Recensione

“Demolition Derby Vol.2” non è una compilation, ma un maxi split di 6 bands, che condensa 12 tracce per una durata complessiva di 37 minuti e mezzo e un totale di un minutaggio per ogni band che oscilla tra i meno di 5 minuti fino a quasi 8 in un solo caso. Una durata veramente esigua e che ci permette di dire ben poco sulle capacità di ogni band. Possiamo solo descrivere brevemente i due brani qui proposti, e verranno tutti giudicati con un senza voto per l’estrema scarsità del materiale.
I due brani dei The drippers consistono di un paio di brani rock n roll up tempo gradevoli e divertenti, forse un po’ già sentiti, ma comunque non male, mentre per i The Hip Priests ci rifacciamo su un sound catchy e abbastanza massiccio, con una certa sfrontatezza alla Turbonegro, mentre con Stacey Crowne ci muoviamo più su uno stile chitarristico e vagamente retro alla Hellacopters. I Black Gremlin sono invece la band che mi ha colpito di più, essendo più sperimentali e toccando doom e musica up tempo in “Cosmic Death”, mentre i Grindhouse suonano in tipico stile Aussie rock, e si conclude con i melodici e leggermente più soft “The empire strikes”, con un tocco vagamente da viaggio in macchina.
Questo è quanto. Questo split non sarà il miglior capitolo discografico per capire le bands, ma per tastare il polso dell’underground va sempre bene.

Track by Track
  1. The drippers – Stuck with you S.V.
  2. The Hip Priests - 666 Sister S.V.
  3. Stacy Crowne - Heavy Rain S.V.
  4. Black Gremlin - Cosmic Death S.V.
  5. Grindhouse - City High S.V.
  6. The Empire Strikes - Not in Toulouse S.V.
  7. The Empire Strikes – No action no rock S.V.
  8. Grindhouse – Shit together S.V.
  9. Black Gremlin – Quiver S.V.
  10. The Drippers – The Monetary Selection S.V.
  11. The Hip priests – Head over deals S.V.
  12. Stacey Crowne – Fool hearted S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 16.03.2021. Articolo letto 108 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.