Vikram «Behind The Mask I» (2019)

Vikram «Behind The Mask I» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
23.03.2020

 

Visualizzazioni:
114

 

Band:
Vikram
[MetalWave] Invia una email a Vikram [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vikram [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Vikram

 

Titolo:
Behind The Mask I

 

Nazione:
Brasile

 

Formazione:
Tiago Della Vega :: Guitars
G. Morazza :: Bass
Marcus Dotta :: Drums
Tiago Zunino :: Keyboards
Guilherme de Siervi :: Vocals

 

Genere:
Progressive Metal

 

Durata:
1h 10' 50"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
25.10.2019

 

Etichetta:
Rockshots Music
[MetalWave] Invia una email a Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Rockshots Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Senz’altro un’operazione musicale massiccia per i Prog metallers brasiliani Vikram, che in 14 tracce arrivano a toccare e oltrepassare la quota di 70 minuti di un album che ti lascia stupefatto per il tiro dei brani e la quantità di idee apportate nei brani, e incredibilmente il tutto funziona.
Sono i Symphony X il punto di riferimento su cosa aspettarci da questi ragazzi, ma l’intero album è un viaggio emozionante, che passa per le tortuose strade del prog senza perdersi, con più di un’influenza dalla musica mediorientale cantata che sfocia con massima naturalezza in brani metal e complicazioni ritmiche gestite in maniera sopraffina, che si sentono sia nella vera opener “The mortal dance of kali”, sia in brani come la ineccepibile “Andaluzia”, calcando di più la componente metal in brani come “Forsaken death”, la splendida “Gypsy tragedy” e la conclusiva title track, per un risultato incredibile, dove “Behind the mask I” passa via liscio e molto scorrevole, e dove tutti gli strumenti riescono a ritagliarsi il loro spazio senza mai suonare over the top.
Insomma: si parla tanto dell’underground e delle sue possibili gemme nascoste ma difficili da trovare. Bene: con “Behind the mask I” dei Vikram ci siamo e ne abbiamo trovata una bella grossa. Un disco davvero consigliato per gli amanti del Progressive Metal e da cui mi aspetto molto per il futuro.

Track by Track
  1. Taar (instrumental) S.V.
  2. The Mortal Dance of Kali 80
  3. Requiem for Salem 80
  4. Burn in Hell 80
  5. Andaluzia 90
  6. Hassan Tower 80
  7. Forsaken Death 85
  8. Eyes of Ra 80
  9. Gypsy Tragedy 90
  10. The Red Masquerade 90
  11. The Burden 80
  12. Shokran 80
  13. Prelude of the End 80
  14. Behind the Mask I 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
84

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 23.03.2020. Articolo letto 114 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.