Flat Earth Society «Friends are Temporary, Ego is Forever» (2020)

Flat Earth Society «Friends Are Temporary, Ego Is Forever» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
15.03.2020

 

Visualizzazioni:
126

 

Band:
Flat Earth Society
[MetalWave] Invia una email a Flat Earth Society [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Flat Earth Society [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Flat Earth Society

 

Titolo:
Friends are Temporary, Ego is Forever

 

Nazione:
Europa

 

Formazione:
- Daniel Correa :: Vocals;
- Carlos Gonzalez-Aller :: Guitar;
- Guillem Rodríguez :: Guitar;
- Jesús Espinosa :: Bass;
- Alejandro Castro :: Drums;

 

Genere:
Progressive Metalcore

 

Durata:
32' 10"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
21.02.2020

 

Etichetta:
Art Gates Records
[MetalWave] Invia una email a Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Art Gates Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Occupiamoci del metal core prog degli iberici Flat Earth Society pressato in questo “Friends Are Temporary Ego Is Forever” dove otto tracce si ripercuotono con tuttal la potenza del metalcore attraverso anche qualche passaggio più tecnico che in goni caso viene anche ben messo in evidenza dal potente scream; buone le ritmiche della batteria e discreto anche il lavoro della chitarra; la band nel corso dell’ascolto offre anche degli squarci melodico acustici in cui ben evidenzia la propria propensione a ottimizzare al meglio il proprio stile oltre alla propria creatività. Inutile soffermarsi ad effettuare la disamina brano per brano essendo sufficiente riconoscere ad alcuni brani tipo “Danko” per la propria attitudine devastatrice ma ancora anche l’ottima “The Gravity Paradox” un brano molto dettagliato soprattutto sui repentini mutamenti ritmici che non concedono mai tregua ai timpani dell’ascoltatore. Non che ami particolarmente il metalcore ma tutto sommato il disco vanta come pregi il fatto che la band sa bene esprimere le proprie intenzioni ma lo fa senza troppo divincolarsi dagli schemi dando luogo in ogni caso ad un lavoro ben fatto ma sin troppo poco personale.

Track by Track
  1. Pray 65
  2. Ligma 65
  3. Danko 70
  4. Legfist 65
  5. CC Chain 70
  6. Disarray 65
  7. The Gravity Paradox 75
  8. Tortuga 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 15.03.2020. Articolo letto 126 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.