Padus «Colloqui con il Satana» (2019)

Padus «Colloqui Con Il Satana» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
29.01.2020

 

Visualizzazioni:
247

 

Band:
Padus
[MetalWave] Invia una email a Padus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Padus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Padus

 

Titolo:
Colloqui con il Satana

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- MZ :: Basso, Voce, Organo, Drum Programming;

 

Genere:
Dark / Doom Metal

 

Durata:
31' 11"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
15.10.2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Broken Bones Promotion
[MetalWave] Invia una email a Broken Bones Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Broken Bones Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Broken Bones Promotion

 

Recensione

Decisamente particolare questo disco della one man band Padus intitolato “ I Colloqui Con Il Satana”, un progetto musicale doom metal dark nato nel 2016 e di fatto concepito dall’autore in maniera dotta sotto il profilo compositivo mentre un po’ deludente sotto quello che è l’aspetto del cantato proteso in parlate appena espressive e non troppo congeniali rispetto a tutto il resto. In ogni caso l’autore propone un sound tipicamente oscuro e lento da cui scaturisce un clima nefasto e funereo abbastanza appagante per chi ama dette tipologie di sound generate attraverso organo, basso distorto e programming. Gli otto brani si alternano tra strumentalità e, come sopra accennato, tratti di parlate per l’appunto intrattenuti con il Satana. Non quindi strutture blande o forzate ma bensì ritmiche moderate, quasi sporche ma pur sempre ricche di un qualcosa che, tra un brano e l’altro, fanno sempre la differenza stante, lo ripetiamo, l’andatura quasi sempre lentissima. Ciò che un po’ penalizza il discreto risultato strutturale del lavoro in ogni caso è un po’ la produzione, risultata non ottimale e che non riesce a mettere completamente in evidenza i contenuti del disco a causa di una non troppo nitida soluzione. In conclusione, possiamo riconoscere all’autore una certa capacità creativa sul fronte strutturale dei brani mentre per quanto attiene la produzione e all’impiego del parlato, non ne condivido appieno le scelte.

Track by Track
  1. L'oscura Saggezza 60
  2. Ballata sulla fossa 60
  3. L'occhio di Giove 60
  4. Angolo buio 65
  5. Padre (Padus) 65
  6. Terra di mutazioni 60
  7. Resurrecturi 60
  8. L'Oltre 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 60
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
62

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 29.01.2020. Articolo letto 247 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.