Lord Gore «Scalpels For Blind Surgeons» (2019)

Lord Gore «Scalpels For Blind Surgeons» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
06.01.2020

 

Visualizzazioni:
73

 

Band:
Lord Gore
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Lord Gore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Lord Gore [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Lord Gore

 

Titolo:
Scalpels For Blind Surgeons

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
Gurge :: Vocals
Colon Bowel :: Drums
Jesus H. Dump :: Bass
Maniac Neil :: Guitars
Putrid Pierce :: Guitars

 

Genere:
Death Metal / Grindcore

 

Durata:
42' 31"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
09.08.2019

 

Etichetta:
Everlasting Spew Records
[MetalWave] Invia una email a Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Everlasting Spew Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Bel ritorno sulle scene per i Lord Gore da Portland, Oregon, che in poco meno di tre quarti d’ora si scrollano di dosso i decenni di inattività e si ripresentano con un disco, questo “Scalpels for blind surgeons” potente, credibile e rabbioso, che mescola qualcosa dei primi Malevolent Creation con un approccio più brutal e a volte con puntate debitrici sia al grindcore che a certo hardcore, anche se in piccole quantità.
L’ascolto di SfBS infatti si manifesta promettente dalla opener “Planes of forgotten flesh” che dosa sapientemente le influenze di cui sopra con un certo tecnicismo mai sovrabbondante, semmai con la componente old school che aumenta leggermente nel tempo, come in “Daudiskegg” o “Million maggot march”, e quella più grind/HC che invece fa capolino nella parte centrale dell’album, lasciando che l’aggressione e la brutalità del death metal siano più presenti a inizio e fine album. Ne risulta un album ben riuscito, variegato e competitivo, che riesce a convincerci e che silenzia i “naysayers” scoraggiati dagli anni di inattività. Se il mood malsano e aggressivo dei primi Malevolent Creation fa per voi, il terzo album dei Lord Gore è un acquisto ben consigliabile.

Track by Track
  1. Planet of forgotten flesh 75
  2. The deformer 80
  3. Incubation sickness 80
  4. Lord of the flies 75
  5. Daudiskegg 80
  6. Spare parts 75
  7. The crawling 80
  8. Million maggot march 80
  9. Reborn in the blood of my enemies 80
  10. Enthenogenocide 80
  11. Attack of the stem cell junkies 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 06.01.2020. Articolo letto 73 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.