The Noctambulant «The Cold and Formless Deep» (2019)

The Noctambulant «The Cold And Formless Deep» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
20.07.2019

 

Visualizzazioni:
169

 

Band:
The Noctambulant
[MetalWave] Invia una email a The Noctambulant [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Noctambulant [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Noctambulant [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di The Noctambulant [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di The Noctambulant [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di The Noctambulant [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di The Noctambulant

 

Titolo:
The Cold and Formless Deep

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
- E. Helvete :: Guitars & Vocals;
- Lars G. :: Bass & Backing Vocals;
- D. Franseth :: Drums & Backing vocals;
- J. Hoarfrost :: Lead Guitar;

 

Genere:
Melodic Black Metal

 

Durata:
42' 46"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
28.06.2019

 

Etichetta:
Art Gates Records
[MetalWave] Invia una email a Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Art Gates Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Buon disco black metal melodico questo degli americani The Noctambulant in cui gli undici brani affidati a “The Cold And Formless Deep”, secondo disco per la band, rivelano una certa attitudine a realizzare coese quanto spigolose e divertenti strutture immancabilmente rese brillanti da numerosissimi melodici; la band apporta all’interno dei brani un po’ di tutto, ferma restando l’attitudine di uno scream aspro e acido, l’ascolto offre anche momenti quasi sinfonici con talvolta addirittura ritmiche miste quasi tra power e folk, altri brani offrono addirittura lead solo di matrice quasi hard rock, ai limiti dello stupore e dell’inaspettato. Complessivamente il disco scorre bene, e riesce nella sua impronta black metal a racchiudere anche sfaccettature diverse ad punto da personalizzarlo e renderlo speciale. Anche gli undici brani, tutti particolari l’uno con l’altro rivelano la particolare dote della band si sapersi ben contestualizzare partendo dalla base black metal per poi ricavarne qualcosa di totalmente inaspettato. Un black metal che può definirsi moderno e fantasioso, diverso dal solito se vogliamo, ma non certo blasonato o sciocco o magari ripetitivo e scontato, come potrebbe reputare qualche fedelissimo del genere. E’ vero che le radici primordiali del black metal hanno sede nel Nord Europa ma indubbiamente questi americani hanno osato riuscendo a personalizzarsi e mettersi in evidenza; un lavoro destinato a chi ama ascoltare il black metal in assetto originale ma anche e soprattutto personale.

Track by Track
  1. Sonos Noctem S.V.
  2. Peste 80
  3. Morietur Solus 85
  4. Leviathan 80
  5. Valkyrie 80
  6. Evil Calling 85
  7. Bloodhunt 85
  8. Unholy Benediction 80
  9. Immortal 85
  10. The Cold And Formless Deep 80
  11. My Dark Desires 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 20.07.2019. Articolo letto 169 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.