Membrance «Goat's Guts» (2016)

Membrance «Goat's Guts» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
21.11.2016

 

Visualizzazioni:
840

 

Band:
Membrance
[MetalWave] Invia una email a Membrance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Membrance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Membrance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Membrance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Membrance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Membrance

 

Titolo:
Goat's Guts

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Davide Lazzarini :: Vocals, Bass
Samantha Zammattio :: Guitars
Pietro Battiston :: Guitars
Emma Collelli :: Drums

 

Genere:
Death Metal

 

Durata:
17' 24"

 

Formato:
Mini-CD

 

Data di Uscita:
06.08.2016

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Nuovo demo integrato con una cover dei Carcass per i veneziani Membrance, che in 3 brani ci propongono poco meno di 14 minuti di musica, che salgono a 17 e mezzo con l’aggiunta della cover.
Ora, io non so la storia dei Membrance (che qualche demo l’han pubblicato anche in passato), ma per ora da questo demo si sente una band ancora acerba e la cui personalità è legata agli stereotipi, che rendono “Goat’s guts” non certo qualcosa di ignobile, ma nella media e nulla più. Se infatti una “Shreds of flesh” ci convince nonostante una legnosità in certi arrangiamenti di batteria e un po’ troppo thrash alla Metallica nella chitarra, sono le altre due canzoni che denunciano uno sballamento delle coordinate del sound, con “Toxic Visions” molto più groove/thrash che Death Metal, sempre un po’ melodica e mai troppo veloce, così come la title track che di fatto è un brano thrash, più che altro, e mai brutale o veloce. Ininfluente la cover dei Carcass, in un minutaggio così breve.
Per questo, come detto sopra, i Membrance per ora non sono una band ignobile, ma “Goat’s Guts” è molto nella media e standard in quanto a maturità e brutalità. Come divertimento va più che bene, ma se si vuole ambire a qualcosa di più, il lavoro da fare c’è, che sia chiaro.

Track by Track
  1. Shreds of flesh 65
  2. Toxic visions 60
  3. Goat’s guts 55
  4. Black Star (Carcass cover) S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
61

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 21.11.2016. Articolo letto 840 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.