Temple Of Baal «Mysterium» (2015)

Temple Of Baal «Mysterium» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
13.12.2015

 

Visualizzazioni:
665

 

Band:
Temple Of Baal
[MetalWave] Invia una email a Temple Of Baal [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Temple Of Baal [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Temple Of Baal [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Temple Of Baal [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Temple Of Baal

 

Titolo:
Mysterium

 

Nazione:
Francia

 

Formazione:
Arkdaemon :: Bass, Vocals
Amduscias :: Vocals, Guitars
Skvm :: Drums
Saroth :: Guitars

 

Genere:
Black / Death Metal

 

Durata:
55' 28"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
02.10.2015

 

Etichetta:
Agonia Records
[MetalWave] Invia una email a Agonia Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Agonia Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Agonia Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Agonia Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Con “Mysterium”, il quinto album, i parigini Temple of Baal si confermano essere una delle bands Black/Death Metal migliori del panorama europeo, secondo me.
Se in passato infatti “Verses of fire" l’avevo apprezzato per muoversi in lidi molto death senza per questo somigliare ai Behemoth, ora l’influenza Black metal si sente sin da “Lord of Knowledge and death”, con attacchi diretti in faccia alternati a momenti molto più desolanti e un mood generale della canzone violento ma anche grigio, graziato da degli assoli sempre ispirati e una ottima personalità dei riffs, dove le chitarre a 7 corde per una volta non servono solo a giocare sui toni più bassi, ma a dare più originalità e profondità al sound. Un inizio eccellente, ma è solo l’inizio, perché di qui a poco i ToB tirano fuori la splendida “Magna gloria tua”, un brano potentissimo e vincente con tanto di stacchi horror, reminiscenze agli Arkhon Infaustus per le dissonanze che definisco solo in un modo: un inno. L’altro highlight è dato da “Hosanna”, una canzone sulle prime lenta e asfissiante, e poi con una notevole parte veloce finale, ancora in uno stile tipo inno, e sono questi i brani a definire lo standard qualitativo dell’album. Il resto dei brani continua a menare ceffoni a destra e a manca, con una “Divine Scythe” più tipicamente metal all’inizio, una “Black Redeeming flame” più melodica, una ancora spettacolare “Holy art thou” più death, e una “All in your name” che mi ricorda i primi Aosoth nonché un ritorno ad un riffing più black dell’inizio dell’album.
Ciò che rende spettacolare “Mysterium” più di tutto è secondo me l’intensità delle atmosfere, massicce e potenti ma anche non troppo chiuse sul death metal (anzi, qui il black c’è e si sente), e soprattutto l’ostinazione dei Temple of Baal, che praticamente in quest’album ti sbattono alla parete e non la smettono di prenderti a ceffoni in faccia dall’inizio alla fine delle composizioni, ovvero almeno 6 minuti.
E questo può bastare, secondo me, a descrivere “Mysterium”, un album davvero da avere per gli amanti del black e/o del death più serrato e rabbioso, con personalità e furia, e che secondo me riesce anche a fare ancora meglio del pur eccezionale “Lightslaying Rituals”, finora il migliore dei Temple of Baal del nuovo corso. Lo ripeto: da avere.

Track by Track
  1. Lord of Knowledge and Death 85
  2. Magna gloria tua 95
  3. Divine Scythe 85
  4. Hosanna 95
  5. Dictum ignis - Intermezzo S.V.
  6. Black redeeming flame 80
  7. Holy art Thou 90
  8. All in your name 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
89

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 13.12.2015. Articolo letto 665 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.