Helslave «An Endless Path» (2015)

Helslave «An Endless Path» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
10.10.2015

 

Visualizzazioni:
1248

 

Band:
Helslave
[MetalWave] Invia una email a Helslave [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Helslave [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Helslave [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Helslave [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Helslave [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Helslave

 

Titolo:
An Endless Path

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Daniele :: vocals;
- Jari :: guitar;
- Lorenzo :: guitar;
- Francesco :: drums;

 

Genere:
Death Metal / Melodic Death

 

Durata:
35' 31"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
16.06.2015

 

Etichetta:
Revalve Records
[MetalWave] Invia una email a Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Revalve Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Tecnicità, brutalità ed aggressività sono gli ingredienti presenti all’interno di “An Endless Path”, album d’esordio per i romani Helslave, uscito per la Revalve Records preceduto da un demo e un Ep, che offre un sound immediatamente riconducibile alle death metal band anni ’90 con variegati tratti melodici disposti in modalità tale da non abbassare mai il livello. Le ritmiche sono tutte assolutamente magnetiche, i riff sprigionati dalle chitarre sono precisi e intensi come pallottole sparate sul bersaglio che ovviamente fanno centro pieno sull’attenzione dell’ascoltatore. Per quanto attiene la parte canora, realizzata in un gutturale pregno di odio, non perde per un solo attimo la propria energia e la propria ottimale simbiosi con le ritmiche del platter; anche il lavoro dietro le pelli è eccellente, colpi travolgenti oltre a significative e costanti variabili degne di esperienza e altrettanta preparazione certosina. I nove brani si susseguono l’uno con l’altro attraverso velocità esplosiva ed incredibile dinamismo. Apre il brano “Sower of Discord” dove dal nulla esplode la carneficina tra riff taglienti e ritmiche sovversive, la parte vocale mette subito in chiaro l’innata brutalità di questa band; segue “An Endless Path” puro death metal di stampo svedese decisamente travolgente e dinamico nei fraseggi ottimamente realizzati dalle chitarre, dove anche i tratti armonici non fanno che aumentarne la compattezza; il successivo “Hypocrite Messiah” propone una ritmica iniziale che non si discosta poi così tanto dal precedente brano; la track non fa comunque perdere la concentrazione che viene mantenuta comunque su alti livelli dall’ottimale sinergia del gruppo. “Morbid Compulsion” apre con un intro che a tratti ci ricorda un po’ gli At The Gates ma è assolutamente coinvolgente grazie al mastodontico lavoro ritmico delle chitarre che prepongono in maniera accattivante la creatività della band su questo brano. “Devourers of Light” ci ricorda ancora una volta che la singolare creatività della band dinanzi alla realizzazione di forsennate ritmiche e di repentini mutamenti di tempo, cosa analoga viene manifestata anche con il successivo “Blinding Wrath” dove pare emergere quasi una sora di epic che in ogni caso non lascia insoddisfatto l’ascolto; la tensione, come già accennato, non cala di un solo istante soprattutto con “Ethereal Decay”, una vera bomba, dove si ravvisa una maggiore consistenza ritmica generata su base thrash mista a parti armoniche dall’avvincente risultato. “Septic Void” presenta ritmiche generate a colpi di riff unificate all’ottima esecuzione della batteria. L’ultimo brano, “Helslave”, in alternanza tra momenti più accelerati rispetto ad altri, non abbassa nel complesso l’intensità del disco. L’album, ad avviso di chi scrive è un ottimo elaborato di assoluta capacità, ritmiche degne del genere e brutalità a non finire. Consigliatissimo.

Track by Track
  1. Sower of Discord 85
  2. An Endless Path 85
  3. Hypocrite Messiah 75
  4. Morbid Compulsion 80
  5. Devourers of Light 85
  6. Blinding Wrath 85
  7. Ethereal Decay 85
  8. Septic Void 80
  9. Helslave 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
84

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 10.10.2015. Articolo letto 1248 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.