Midnight Sin «Sex First» (2014)

Midnight Sin «Sex First» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Andreas X »

 

Recensione Pubblicata il:
14.01.2015

 

Visualizzazioni:
1159

 

Band:
Midnight Sin
[MetalWave] Invia una email a Midnight Sin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Midnight Sin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Midnight Sin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Midnight Sin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Midnight Sin

 

Titolo:
Sex First

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Albert Fish - Vocals
LeStar - Lead Guitar
Maurice Flee - Rhythm Guitar
Acey Guns - Bass
Dany Rake - Drums

 

Genere:
Hard rock / Glam Metal

 

Durata:
38' 58"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.10.2014

 

Etichetta:
Bakerteam Records
[MetalWave] Invia una email a Bakerteam Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Bakerteam Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bakerteam Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Midnight Sin, nati nel 2010 a Sin City (stando alla loro pagina Fb, qualcuno sa dov’è?), ci presentano il loro “SEX FIrST” (l’utilizzo del caps lock è voluto, per creare il gioco di parole come da copertina), in cui le influenze spaziano dai Guns ‘n’ roses agli Hardcore superstar, passando per i Bonjovi anni ’80.
Un album, dunque, tipicamente di stampo sleaze rock/hard rock/AOR, con brani ruffiani tipo “’Till It’s All Gone Away” e “You Piss Me Off”, chorus anthemici come quello di “Feed Me With Lies” (a voler essere schifosamente pignoli, il suddetto chorus presenta melodie che.. ricordano, diciamo così, quello di “Have a nice day” dei Bonjovi; non casca il mondo, alla fine le note son 7) e l’immancabile ballad con la conclusiva “Sweet Pain”.
Lungo tutto l’album il cantante Albert Fish dimostra una certa ecletticità, ben sostenuta da ritmiche serrate.
La produzione è assolutamente di livello, salvo forse le chitarre un po’ troppo avanti e in generale un master forse un tantinello troppo spinto, tanto che, io che l’ho ascoltato con le cuffie, ho dovuto abbassare il volume perché fosse gradevole all’ascolto.
Rimane di certo una proposta più che valida, dopo tutto si sa, Italians do it better.
Consigliato agli amanti dello sleaze e dell'AOR.

Track by Track
  1. Snake Eyes 60
  2. Midnight Revolution 65
  3. Feed Me With Lies 70
  4. No Matter 65
  5. 'Till It's All Gone Away 60
  6. You Piss Me Off 70
  7. Rise & Yell 65
  8. Code: 69 60
  9. 2 Words 65
  10. Sweet Pain 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
67

 

Recensione di Andreas X » pubblicata il 14.01.2015. Articolo letto 1159 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.