TBP «Universe Of Emotions» (2012)

Tbp «Universe Of Emotions» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1384

 

Band:
TBP
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di TBP

 

Titolo:
Universe Of Emotions

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Mario Contarino :: Instruments

 

Genere:

 

Durata:
49' 10"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Non si può umanamente restare indifferenti di fronte alla passione per la musica, quella vera intendo, quel sentimento talmente forte da trascendere qualsiasi spiacevole ostacolo che la vita a volte pone davanti a noi ma vedete, c’è chi si lamenta se lo smartphone che tanto desiderava non è più in offerta e chi invece avrebbe davvero una motivazione per lamentarsi ma invece incanala questo pathos e lo utilizza per concretizzare qualcosa che ama e involontariamente dare una bella lezione a tanti idioti sedicenti musicisti che si gongolano nella loro perenne mediocrità.
Il mastermind che si cela dietro a questo progetto chiamato TBP è Mario Contarino, 27enne romano, batterista, che ha militato per anni nei Ladri Di Carrozzelle, band che conoscevo di nome per i loro frequenti concerti in tutta la penisola. Nel progetto erano inclusi per la maggior parte ragazzi affetti da distrofia muscolare e tanto per essere completi, la batteria veniva suonata da ben 4 persone attraverso pad elettronici.
L’allontanamento del Contarino dai Ladri di Carrozzelle ha fatto conseguentemente nascere questo TBP quasi per gioco all’inizio e in modo serio poi; purtroppo la malattia del ragazzo lo ha costretto ad abbandonare il proprio strumento ma l’amore per la musica è rimasto intatto, anzi, è diventato più forte di prima come appiglio e, con l’ausilio di plug-in, vst e attrezzatura digitale Mario non si è arreso ed ha celebrato la sua forza vitale con composizioni che a mio avviso ed oggettivamente sono molto migliori di tante altre che ho già ascoltato.
E’ doveroso dire, per i non addetti ai lavori, che non si tratta di strumenti musicali fisici ma vengono pilotati con tastiere midi o composti direttamente al pc per mezzo di software adatti (ad esempio Cubase o Logic Pro per quanto riguarda la Apple) tuttavia in “Universe Of Emotions” devo dire la verità, si sente veramente poco e in modo marginale il fatto che gli strumenti non siano suonati veramente e comunque non importa poiché il mero lavoro di composizione del nostro amico è veramente valido e contiene una conoscenza dell’armonia e della musica in generale di tutto rispetto e che può tranquillamente lasciarsi invidiare dai sedicenti idioti di cui sopra.
Questo “universo di emozioni” è un continuum di musica onesto e senza eccessive pretese ma che si lascia apprezzare a tutto tondo e ci mostra un compositore maturo che fa rock, blues, prog, heavy metal melodico e di brani solistici per chitarra, diciamo del materiale molto alla Steve Vai se vogliamo proprio essere precisi e di fatti, se andrete sulla pagina facebook di TBP troverete un video nel quale viene mostrato proprio al signor Vai un brano del disco. Il mostro della sei corde ascolta e resta affascinato quando due ragazzi gli spiegano che si tratta di virtual instruments e di chi c’è dietro a tutto ciò.
Il Contarino adora diversi generi a quanto pare ma non si ferma al blues o al groove del metal: c’è una conoscenza del progressive rock di fondo che viene sapientemente inserita qua e là (ad esempio in “Life is Joy” e “The Power Of Mind”) e questo suo continuo incedere sulla chitarra solista prettamente da guitar hero potrebbe far pensare a qualcosa di ridondante e noioso. Inizialmente ho avuto anche io questo pensiero ma poi ho fatto play e tutto mi è parso chiaro: Mario Contarino suona con la mente. La macchina assolve solo i compiti che lui le assegna e null’altro.
Potrà anche non poter suonare fisicamente ma io credo che sia una brillante carriera di compositore.
Un plauso doveroso a Mario Contarino e alla lezione che ci ha dato. Un artista da rispettare. Punto.

Track by Track
  1. That's Enough 80
  2. Universe of Emotions 75
  3. Bluesy Screams 70
  4. Jungle Island 75
  5. The Mistery Crop Circle 80
  6. Renee 75
  7. Mothman 75
  8. Smiling Soul 75
  9. Damn War 70
  10. Life Is Joy 80
  11. The Power Of Mind 80
  12. Is For you 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
76

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1384 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.