Gory Blister «Graveyard of Angels» (2009)

Gory Blister «Graveyard Of Angels» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Crash »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1038

 

Band:
Gory Blister
[MetalWave] Invia una email a Gory Blister [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Gory Blister [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Gory Blister [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Gory Blister [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Gory Blister

 

Titolo:
Graveyard of Angels

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Dominic - Voce
Raff - Chitarra
Roberto Gelli - Basso
Joe La Viola - Batteria

 

Genere:

 

Durata:
30' 46"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2009

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ritorno alle scene per una di quelle band che ci dovrebbe, almeno in ambiti musicali, rendere orgogliosi di vivere in Italia. I Gory Blister hanno piantato il loro vessillo nei territori del metal estremo, non con ruffianate o compromessi, ma tramite le perenne ricerca della qualità. La proposta del combo lombardo si è fatta nel tempo sempre più personale, pur non avendo abbandonato le vie del tecnicismo e della melodia (la seconda più della prima). Qualche assestamento in formazione, con l'ingresso di Dominic e Roberto, rispettivamente nelle veci di vocalist e bassista. Chi conosceva già i Gory Blister saprà quanto sono influenzati dai Death e pure in questo disco le influenze della storica band floridiana si sentono. Graveyard of Angels non è un lavoro di facile approccio, i cambi di tempo e i tecnicismi spastici la fanno da padrone e a un primo acchito sembra che l'intero album sia un ammasso di fraseggi e riff attaccati col mastice, ma la melodia intrinseca delle complesse strutture ('The Hatch Opens') e l'assoluta violenza di episodi come 'The Descent' e soprattutto 'The Slum Of The Wretched Creatures', ci dice piuttosto che un senso all'intera composizione esiste, per quanto cervellotico ed eclettico. Davvero bizzarra la lenta "emiT despalE", brano remixato nell'industriale chiusura "Elapsed Time". Rispetto ai lavori precedenti è innegabile un miglioramento, sia nell'aspetto tecnico che in sede compositiva.
Ignorare dischi del genere sarebbe davvero vergognoso, soprattutto per gli ascoltatori di casa nostra, quindi tutti gli appassionati del metal estremo e tecnico si sentano chiamati a sostenere i Gory Blister.

Track by Track
  1. The Hatch Opens 80
  2. Void Made Flesh 75
  3. Vanishing Ruins 75
  4. The Descent 80
  5. emiT despalE S.V.
  6. The Slum of the Wretched 85
  7. The Shining Hades 75
  8. Graveyard of Angels 80
  9. Elapsed Time 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 100
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Crash » pubblicata il --. Articolo letto 1038 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.