Demetrio Scopelliti «V» (2022)

Demetrio Scopelliti V | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
24.07.2022

 

Visualizzazioni:
220

 

Band:
Demetrio Scopelliti
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Demetrio Scopelliti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Demetrio Scopelliti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Demetrio Scopelliti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Demetrio Scopelliti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Demetrio Scopelliti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Demetrio Scopelliti

 

Titolo:
V

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Demetrio Scopelliti ::
Guitar Player, Composer, Producer & Multi Instrumentalist;

 

Genere:
Instrumental Prog Metal

 

Durata:
44' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
10.04.2022

 

Etichetta:
FusionCore Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di FusionCore Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Against PR
[MetalWave] Invia una email a Against PR

 

Recensione

Il titolo nonché quanto stilizzato nell’artcover di questo disco intitolato “V” non a caso indica, secondo la numerazione romana il numero cinque, ovvero il quinto album della carriera del polistrumentista solista Demetri Scopelliti, artista divenuto già noto per le sue precedenti uscite oltre che per il proprio indiscusso estro come artista nell’ambito del metal progressive. In effetti le dieci tracce del disco offrono una carrellata del potenziale dell’autore sia con la chitarra, suo strumento primario ma anche con il synth e il basso, attraverso i quali ingenera scenari musicalmente tecnici e micidiali. Le progressioni offerte sono una vera rivelazione, brano dopo brano sia sotto il profilo strutturale ma anche ritmico; incredibili i lead solo ma anche le ambientazioni del synth. La tecnica senza la minima ombra di dubbio prende sin da subito il sopravvento e non concede spazi o falde; le performance migliori ricadono su “Afertword”, brano d’apertura, ma anche “Deva” e “Divergence” forti della indiscussa potenza e velocità esecutiva di cui l’ascoltatore viene reso partecipe; ma ancora “Euphoria”, tra i più moderati che non si risparmia anche in momenti più tecnici e la massiccia “Entropy”, forte di un riffone di portata micidiale su cui poi l’artista crea al meglio le proprie ispirazioni tra lead e ritmiche. Un disco che ancora una volta conferma la forza e l’incredibile estro di questo artista all Made in Italy.

Track by Track
  1. Afterword 80
  2. Devil You Know 75
  3. Deva 80
  4. Divergence 75
  5. Ghost In The Machine 75
  6. The None 75
  7. Euphoria 80
  8. Inspiria 80
  9. Entrophy 80
  10. Afetrmath 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 24.07.2022. Articolo letto 220 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.