Intervista Flash: Flashback Of Anger

Flashback Of Anger è il nome di una nuova realtà che va ad inserirsi nella multiforme e tumultuosa scena metal italiana. ha intervistato per voi i ragazzi del gruppo: sentiamo come la pensano!!!

 

[MW] Visto che siete alla prima intervista in questo sito, perché non presentate ai nostri lettori quando ed in che modo avete iniziato il vostro percorso nel mondo underground?

Il nostro percorso ha inizio circa nel settembre del 2003.
Ci eravamo conosciuti prima dell'estate con il proposito, una volta ritrovatisi di nuovo a settembre, di fare qualche cover degli iron maiden e dei metallica, un po' come tutti i gruppi che iniziano.
Abbiamo deciso di approcciare il mondo esterno con l'iscrizione al concorso di emergenza rock nel novembre 2003, niente di speciale, ma ci ha dato la sveglia per cominciare ad amalgamarci e ha dato l'imput per la composizione del nostro primo pezzo, "a void within me", che fa adesso parte del nostro demo.
Diciamo che la svolta si e' concretizzata nel periodo primaverile del 2004, abbiamo cominciato a prendere coscienza dei nostri mezzi, notando l'attenzione (ovviamente delle persone a noi piu' prossime) che si e' fatta sempre piu' interessata, anzi colgo l'occasione per ringraziare tutte le persone, nel bene e nel male, che ci hanno spronato ad uscire dal guscio.
Abbiamo affrontato quindi un buon lavoro in sala prove che ci ha portato a partorire i 5 pezzi che adesso potete ascoltare sul nostro demo "panta rei".
A livello compositivo un gran tributo va reso al nostro cantante, alessio, che sia per capacita' personali che per studio possiede un bagaglio compositivo a nostro avviso veramente importante.
In sostanza il nostro percorso inizia come un incontro fra persone che, attraverso la musica sono diventati amici, hanno imparato a conoscersi e adesso cercano di esprimere una vasta gamma di esperienze in musica (cosa alla quale contribuiscono anche i testi di alberto, chitarrista).
Insomma, possiamo dire di essere all'inizio del nostro percorso. Siamo una band molto giovane, la media e' 20 anni; e sebbene la nostra via sia ancora per larga parte inesplorata gia' sta presentando delle buone prospettive future, certo non e' facile farsi largo ma il nostro pregio e' proprio quello di non avere pretese assurde, ci stiamo costruendo ed il nostro primo mattone ha assunto il nome di "panta rei", che significa in greco "tutto scorre" e noi lasciamo scorrere il tempo attendendo segni che ci facciano imboccare la via migliore.

[MW] Da quali generi e bands è influenzato il gruppo?

La nostra band e' abbastanza composita da questo punto di vista, siamo influenzati sia da correnti maideniane, che dal prog e dal power metal melodico che dalla musica classica, nel nostro stile infatti si fondono spesso delle velate sonorita' heavy anche se la preponderanza del power e del prog e' netta.
I gruppi piu' ascoltati e nominati fra noi sono i dream theater, i symphonyx, rhapsody, maiden, labyrinth e molti altri, anche se, a livello di ascolti mastichiamo un po' di tutto.
Possiamo dire che ognuno di noi (anche se il song writing e' proprieta' di alessio, a parte all i have), apporta qualcosa di suo, a seconda di quali sentimenti vengono tratti in gioco nel suonare la canzone, a volte le note vengono percepite piu' heavy o prog o power anche a seconda di come vengono interpretate, considerando sempre ovviamente che la struttura di un genere e' ben precisa.
Proprio per questo motivo fatichiamo tutt'ora ad inserirci bene in un genere preciso, siamo infatti (o almeno ci definiamo tali) un ibrido di power-prog metal melodico con forti influssi sinfonici e un uso quasi classico delle tastiere.
Insomma, amichevolmente parlando un minestrone di dream theater, iron, symphonyx, rhapsody, stratovarius e musica classica.
Per concludere direi che il nostro genere e' molto mobile, infatti si sentono delle nette differenze stilistiche dalle prime composizioni (quelle di "panta rei") e le ultime, ancora in fase di completamento, siamo molto giovani sia come gruppo che come eta' e per questo in continuo cambiamento ed evoluzione, cosa a mio avviso positiva dato che non ci fa restare ancorati ad una posizione musicale, garantendoci di rinnovarci spesso.

[MW] So che potrebbe non essere facile farlo, ma potreste commentare il vostro ultimo lavoro?

Il nostro ultimo lavoro, che per altro coincide anche con il primo, e' composto dalle prime 5 canzoni che abbiamo scritto, e proprio per questo lo ritengo ottimo, molte band prima di fare un demo compongono piu' pezzi e poi vagliano i migliori, noi gli abbiamo composti, imparati e subito registrati, nudi e crudi, senza riflessioni, senza lasciar passare del tempo, cosa che a mio avviso da ancora piu' valore a questi 5 brani, ovviamente essendo di parte non posso essere oggettivo, sebbene pero' molte recensioni ci diano ragione con medie buone che vanno dal 7 al 7 12, risultato per noi molto soddisfacente per il nostro primo lavoro.
Questo demo e' la parte "primordia" di un concept che si intitolera' splinter's of life, che affondera' le radici proprio in panta rei, progetto che si puo' dire terminato sebbene manchino gli ultimi ritocchi.
"panta rei" e' un demo power-prog molto melodico e ricco di atmosfere sognanti e molto sentimentali, moderatamente aggressivo ma coinvolgente, con molte sonorita' classiche fuse con tipici reef heavy e power su ritmiche spesso piu' vicine al prog (si noti flashback of anger): diciamo che rispecchia un po' l'anima piu' elementare del gruppo, e' la base minima delle nostre capacita' dalla quale siamo partiti subito prendendoci anche dei rischi.
In conclusione lo definirei un buon demo, con delle belle cose da dire, e delle buone idee per un gruppo alla sua prima esperienza.
Proprio la mancanza di esperiena fa si che il nostro lavoro debba essere ancora migliorato, con una registrzione piu' attenta e con altri dettagli che sicuramente sono stati tralasciati, e' inutile che ve li dica io i limiti delle band emergenti e dell'auto produzione:
esperienza, budget, consapevolezza dei propri mezzi.
In futuro siamo sicuri di poter far molto meglio, anche perche' partiremo da un'ottima base di lavoro quale e' "panta rei".

[MW] La scena metal underground è indubbiamente inflazionata da tantissmi gruppi, per cui (spesso) risulta necessario presentare delle composizioni che si facciano notare nel marasma delle varie scene musicali. Ritenete che le vostre canzoni abbiano da dire qualcosa in più o di diverso da quello che è già stato detto nell'affollatissimo mondo metal?

Probabilmente si, ma anche no, questa domanda e' molto difficile in quanto, proponendo un demo che si pone a base di un concept sarebbe difficile rispondere con un secco no, pensiamo che la nostra storia sia inedita e per questo innovativa, poi, musicalmente, e' ovvio che cerchiamo di dare un tocco nostro ma e' anche vero che e' forte l'influenza dei piu' blasonati.
In ogni caso noi non ci sentiamo originali, ma semplicemente lontani da alcune idee di metal di cui non ci sentiamo parte.
Le nostre canzoni hanno semplicemente la funzione di raccontare quello che ci portiamo dentro, amori, gioie dolori, non vogliamo parlare del significati del mondo o dargliene uno, non parliamo dell'uomo in senso universalistico, vogliamo solo raffrontare la nostra interiorita' a quella del mondo e vedere che succede, le nostre canzoni sono state composte col cuore, poi il filo concettuale e' venuto da solo, quando si condivide oltre alla musica, anche l'amicizia e' facile che questo accada.
Vogliamo riscoprire il piacere di comunicare sentimenti con la musica (siano essi negativi o positivi), siamo stanchi di posers e atteggiamenti tipici, di stereotipi del genere "se sei metallaro bevi birra", siamo 5 persone con una gran voglia di far vedere al mondo che cosa hanno dentro e abbiamo inconsciamente scelto il metal per farlo, dato che questo genere offre vastissime e variegate sfumature d'espressione.
Se per originale si intende questo allora possiamo dire di esserlo, e per il bene della musica ci auguriamo che ci siano tanti altri gruppi originali in questo senso.

[MW] Cosa pensate del panorama underground nazionale?

Possiamo affermare che il panorama italiano non e' mai stato sulla cresta, in ogni caso la situazione mi sembra in netta ripresa, si vedono molto piu' sbocchi, anche grazie al lavoro di siti come il vostro, ottimi per farsi conoscere e apprezzare, non smettero' mai di dire quanto sia importante tale operato per i gruppi emergenti.
Secondo me pero' ci sono spesso organizzazioni "para-mafiose" ovvero quella cerchia di persone che detengo il potere di farti suonare o meno, di farti apprezzare o meno, insomma, chi ha acquisito meriti per chissa' quale caso e adesso fa la voce grossa sulla tua musica, pretende di giudicarti a prescindere, insomma c'e' un po' troppa truzzaggine anche nel metal, un genere nato per rompere gli schemi a volte ne pretende troppi per essere ammessi, ovviamente a causa delle persone, che spesso fanno del metal non musica ma "trasgressive fashion", occasioni per farsi accettare nel branco, la musica non ha colpa.
Insomma ci siamo capiti.
Se questa situazione si affievolisse e le persone cominciassero a ragionare con il loro cervello Invece con una sorta di "data bese mentale" probabilmente ci sarebbero piu' spazi per tutti, ma insomma non ci lamentiamo troppo, sta a noi farci largo....

[MW] La carriera di un gruppo musicale (pur breve che possa essere) è sempre costellata di avvenimenti più o meno positivi. Cosa vorreste cancellare e cosa ricorderete per sempre della vostra esperienza di gruppo, dagli inizi inizi sino ad ora?

La nostra esperienza e' ancora troppo breve per poterci esprimere al meglio a rigurado, ma su due cose principali concordiamo, se potessimo cancelleremmo la finale di emergenza rock, dove veramente abbiamo capito (purtroppo) come gira il mondo.
E cosa ricorderemo per sempre?

L'emozione del palco

la stima reciproca

l'amicizia che ci lega

le vibrazioni della musica

la gente che canta le nostre canzoni

gli abbracci degli amici

grazie a tutte le persone che ci seguono assiduamente per il supporto ed il calore che ci offrono, che musica e' se nessuno l'ascolta?

[MW] Come giudicate il veicolo "internet" per la promozione della scena musicale?

Siamo fermamente convinti che internet sia a dir poco poderosa da questo punto di vista, apre molte vie altrimenti inaccessibili, offre molti contatti e interessanti prospettive per le band.
Insomma, niente da dire, un gran bel mezzo.
L'unica nota negativa e' forse la difficolta' di controllare talune informazioni ma e' un compromesso accettabile!

[MW] Visto che ne stiamo parlando.... quanti CD originali acquistate ogni mese? E quanti ne ascoltate?

ne ascoltiamo tantissimi, divoriamo un sacco di cd, specialmente francesco (bassista) e' un divoratore folle.
Ammettiamo alcune colpe, ma generalmente riteniamo che comprare cd originali sia un modo per investire anche nel nostro futuro.

[MW] Cosa vuole fare il vostro gruppo "da grande"?

Il gruppo da grande ha un sacco di progetti, innanzi tutto continuare assiduamente il proprio lavoro con costanza e passione, poi trovare una label per poter diffondere in maniera piu' ampia la propria musica con il progetto di "splinters of life", continuare a divertirsi suonando, levarsi delle belle soddisfazioni e approfittare il piu' a lungo possibile delle stupende sensazioni del palco.
Ma soprattutto da grandi sognamo di essere grandi, non per soldi o per fama (un po' anche per quello altrimenti saremmo ipocriti), ma per diffondere piu' in alto e a lungo possibile la nostra musica, cercare di far cambiare idea agli inetti: che il metal non significa necessariamnete sbuzzare bambini per strada.
Continuare a sognare e trasporare qualcuno con noi, nel nostro grande sogno.

[MW] Ok, ragazzi! Lo spazio a nostra disposizione sta per terminare, ma voglio lasciarvi carta bianca per l'ultimo messaggio. A voi la parola, siete liberi di esprimervi!

Cosa dire, a volte le parole non servono, a volte sono indispensabili.
Amate cio' che fate, credeteci e sperate fino all'ultimo giorno, "panta rei", tutto scorre, non lasciate che il tempo scorra via dalle vostre mani, stringete i pugni il piu' possibile, trattenete ogni momento, bello o brutto e non smettete mai di sognare.
Siamo sempre a disposizione di chi ci apprezza, ma anche di chi ci vuol criticare, abbiamo bisogno di tutti voi per crescere, seguiteci e non ve ne pentirete, non perche' siamo dei fenomeni, ma perche' e ' bene che siate sempre consapevoli che noi diamo sempre il massimo, forse siamo dei perbenisti, ma non ci interessa, forse siamo poco cattivi, ma prima o poi cambierete idea, forse non ci meritiamo di piu', ma faremo di tutto per meritarcelo, rimanete con noi per vedere come va a finire questa scommessa, comunque vada che si vinca o si perda, potremo dire un giorno di essere esistiti, di aver vissuto e la nostra musica rimarra', per quanto impercettibile e labile traccia a sprone di chi come noi forse morira' e cadra', ma mai da codardi, senza aver lottato in cio' che crede.
Le madri spartane dicevano ai figli:"o con lo scudo o sullo scudo".

Ciao a presto flashback of anger.

Intervista di Tatta Articolo letto 637 volte.

 


Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.