(Echo) «Head First into Shadows» (2016)

(echo) «Head First Into Shadows» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
25.06.2016

 

Visualizzazioni:
1657

 

Band:
(Echo)
[MetalWave] Invia una email a (Echo) [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di (Echo) [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di (Echo) [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di (Echo) [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di (Echo)

 

Titolo:
Head First into Shadows

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Fabio Urietti :: voce;
- Simone Saccheri :: chitarra;
- Mauro Ragnoli :: chitarra;
- Agostino Bellini :: basso;
- Paolo Copeta :: batteria;
- Simone Mutolo :: tastiere;

 

Genere:
Atmospheric Doom Metal

 

Durata:
48' 43"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
23.05.2016

 

Etichetta:
BadMoodMan Records

Solitude Productions
[MetalWave] Invia una email a Solitude Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Solitude Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Solitude Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Solitude Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Solitude Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Solitude Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Solitude Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Solitude Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Abyssal Warfare Promotion
[MetalWave] Invia una email a Abyssal Warfare Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Abyssal Warfare Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Abyssal Warfare Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Abyssal Warfare Promotion

 

Recensione

Dopo il primo quanto ottimo “Devoid of Illusion”, tornano a far parlare di loro i bresciani EchO con questo incredibile “Head First into Shadow” che non fa altro che rimarcare il percorso compositivo intrapreso nel 2011. Indubbiamente il cambio di line up confluita con il nuovo cantante potrebbe in qualche modo spingere i più diffidenti a critiche che in ogni caso risulterebbero solamente sterili ma che in realtà fanno di questa sostituzione un’ottima impressione capace di rendere il tutto ancor più bello grazie anche all’ ottima miscelazione vocale tra clean, scream e growl; stessa conferma si ha con le chitarre e con l’ottimo lavoro eseguito con le tastiere decisamente capaci in tutto e per tutto di offrire quella differenza sia nei contesti in cui insistono le atmosfere più delicate che nei passaggi più irruenti. I sei brani presenti nel platter si ascoltano che è un piacere a cominciare dal brano d’apertura “Blood and Skyn”, caratterizzata da un death doom melodico nei contenuti, capace di creare subito quella giusta atmosfera che rivela, in ogni caso e sin da subito, l’ottima interpretazione vocale del cantante in ogni passaggio clean e growl; è poi la volta di “This Place used to Call Home”, un brano che sembra ridimensionare i toni avuti in apertura per i suoi tratti decisamente più progressive e se vogliamo azzardare anche con venature folk. Segue “Beneath this Lake” un brano che appare ricondurci in apertura ad atmosfere gothic appartenenti ai primissimi Paradise Lost per poi orientarsi con un canto clean ai noti contesti doom ma interpretati con andature pulite e non distorte; “Gone”, brano più lungo del platter per i suoi dieci minuti di esecuzione, con un sound lento all’interno del quale appare emergere la magnificenza della band sotto il profilo della maturazione stilistica; il brano risulta suddivisa in due parti, una prima parte decisamente melodico acustica con il supporto di effetti delay piatti della drum e quant’altro può essere utile a creare quella buona e sana melodia che solo questa band sa regalarci e, un secondo momento decisamente orientato più su un post metal. Segue “A New Maze” dalle sonorità decisamente più rock atmosferiche sempre decisamente d’effetto che ci portano al concludente “Order of the Nightshade”dall’apertura acustica decisamente oscura e tenebrosa dove un clean espressivo al massimo trasmette emozioni tutte la ascoltare; si assiste anche al sottofondo lirico al femminile che rende il tutto ulteriormente particolare; il cantato improvvisamente, con il cambio di direzione musicale, si trasforma in growl deciso e aggressivo. Musicalmente ci troviamo di fronte ad un doom particolare e ricco di inventiva, mai scontato, capace di offrire quel giusto impatto emozionante che fa onore in tutto e per tutto agli EchO.

Track by Track
  1. Blood and Skin 85
  2. This place we Use to Call Home 80
  3. Beneath this Lake 80
  4. Gone 85
  5. A New Maze 85
  6. Order of the Nightshade 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
84

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 25.06.2016. Articolo letto 1657 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.