Zu «The Lost Demo» (2024)

Zu «The Lost Demo» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
08.07.2024

 

Visualizzazioni:
55

 

Band:
Zu
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Zu [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Zu [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Zu [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Zu [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Zu

 

Titolo:
The Lost Demo

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Luca Mai :: Alto Sax
Massimo Pupillo :: Bass
Jacopo Battaglia :: Drums

 

Genere:
Avant-garde / Jazzcore

 

Durata:
22' 14"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
14.06.2024

 

Etichetta:
Subsound Records
[MetalWave] Invia una email a Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Subsound Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Purple Sage PR
[MetalWave] Invia una email a Purple Sage PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Purple Sage PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Purple Sage PR

 

Recensione

Viene riesumato il demo perduto della famosa band Zu. Sì, proprio quei pazzi che suonano con batteria, sax e basso e ti propongono musica assurda, pazzesca, anche se qui ancora vagamente ragionata e in versione decisamente acerba, dove il jazz di certe parti si alterna alla cacofonia schizoide, il tutto per 5 brani che messi insieme non raggiungono i 23 minuti di durata. Cosa normale per un demo, beninteso. Oggi, questo disco viene rimasterizzato e riproposto per voi con una qualità sonora davvero buona e dove vi ritroverete ad apprezzare i primi vagiti di questa band, il tutto per un risultato che farà la felicità dei fans, che così si troveranno ad apprezzare le melodie malate della conclusiva “Film nero”, o le pazzie sonore di brani come “Villa belmonte” e “Cane maggiore”.
Questo è quanto, poco da dire. Ovviamente si tratta di una proposta discografica per soli fans, ed è proprio a loro che questo disco è consigliato. Per i novizi del gruppo, invece, un ascolto è senz’altro consigliabile, anche se io a questi ultimi consiglierei più il debut album.

Track by Track
  1. Villa Belmonte 70
  2. Cane maggiore 75
  3. Shin Jin Rui 70
  4. El nino 70
  5. Film nero 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 08.07.2024. Articolo letto 55 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports