Temple of July «Kindom cult» (2023)

Temple Of July «Kindom Cult» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
03.11.2023

 

Visualizzazioni:
432

 

Band:
Temple of July
[MetalWave] Invia una email a Temple of July [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Temple of July [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Temple of July [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Temple of July

 

Titolo:
Kindom cult

 

Nazione:
Italia / U.s.a.

 

Formazione:
- Hudson Franzoni :: Vocal, guitar;
- Ryno Argentino :: Bass, guitar;
- Mirko Augello :: Drums

 

Genere:
Alternative Metal

 

Durata:
38' 4"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
03.11.2023

 

Etichetta:
Red Cat Records
[MetalWave] Invia una email a Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Red Cat Records

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe
The Orchard
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Orchard

 

Agenzia di Promozione:
Red Cat Promotion
[MetalWave] Invia una email a Red Cat Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Red Cat Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Cat Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Red Cat Promotion

 

Recensione

Il progetto Temple of July nato ad opera di un trio tutto made in Italy, rilascia “Kingdom Cult” un disco che si identifica in un metal alternativo pregno di contesti futuristici, industrial, elettronici, djent, metalcore e comunque di tutto ciò che può apparentemente offrire scenari che estrapolano dagli ordinari canoni. La band, almeno dall’ascolto dei sette brani che compongono questo disco, si ispira molto agli Slipknot per generalizzare contesti e stravaganti ritmiche pregne di melodie e di inaspettati mutamenti ritmici che spaziano da potenti e compatti distorti per divenire all’improvviso scenari aridi acustici fatti di sonorità improbabili ma pur sempre pregni di melodie. In ogni caso il clean polifunzionale assume maschere diverse che proiettano nella maniera migliore il proprio stato d’animo di fronte a quanto sentito nel songwriting. Il trio offre in ogni caso un contesto compositivo assai variegato, mai ripetitivo o noioso ma indubbiamente quello che forse in fin dei conti annoia un po’ è l’eccessivo ricorso all’elettronica e che a lungo andare un po’ stanca. Vero è che lo scenario che si determina in ogni brano è particolare e parimenti estremo ma c’è proprio bisogno di renderlo fattore predominante quando in realtà si sa suonare in maniera più che egregia? Lasciamo la risposta ai fan che si raccolgono di fronte a questi ragazzi che, pur provenendo da esperienze musicali differenti, riescono a mettere insieme un qualcosa che è tutt’altro che scontato.

Track by Track
  1. You Die S.V.
  2. 444 70
  3. Vampire 75
  4. My Identity 75
  5. Kingdom Cult 75
  6. Artificial Paradise 75
  7. Honest 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 03.11.2023. Articolo letto 432 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.