Mind Terrorist «A Moment To Eternity» (2020)

Mind Terrorist ŤA Moment To Eternityť | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
05.03.2021

 

Visualizzazioni:
95

 

Band:
Mind Terrorist
[MetalWave] Invia una email a Mind Terrorist [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mind Terrorist [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mind Terrorist [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Mind Terrorist

 

Titolo:
A Moment To Eternity

 

Nazione:
Grecia

 

Formazione:
Kostas Kafritsas :: Vocals
Greg Grigoriadis :: Bass
Orestis Adams :: Drums
Zach Karabasis :: Guitars
Thanos Metalios :: Guitars

 

Genere:
Metalcore / Heavy / Alternative

 

Durata:
34' 45"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2020

 

Etichetta:
Vault Lab Recordings
[MetalWave] Invia una email a Vault Lab Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Vault Lab Recordings

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il terzo album dei Mind Terrorist da Larissa, Grecia, subisce anch’esso il destino del quarto album, uscito anni fa e ristampato nel 2020, il tutto per una musica invero che non cambia molto da “Spiritual Revolution”, visto che il numero dei brani è lo stesso, la durata è simile e le coordinate musicali sono grosso modo le stesse, per un risultato che è come il quarto album: carino, ma per nulla imprescindibile.
E manco a farlo apposta, ciò che non va in questo “A moment…” è ciò che si sente anche nel quarto album, ovvero una serie di brani anche non male, ma che puntano a riffs semplici e con arrangiamenti scarni e su cui poggia gran parte del brano che per questo motivo non brilla per originalità, e questo lo si sente nel secondo brano, che di fatto è una prosecuzione del primo, oppure in “My bitter end”, e le poche eccezioni a questo stile musicale ci sono, ma sono rare, come una “Parallel existence” che va a fare un buon uso della solista, che dona un’atmosfera nuova a tutto il brano, oppure alla conclusiva “Omerta”, più potente, il tutto purtroppo controbilanciato da brani mediocri come “Subtopia” o l’anonima “Hearts alive”.
Questo è quanto “A moment in eternity” non è un disco da avere nel groove/HC metal melodico. Certo non è malaccio, ma il fatto che suona così cliché e già sentito lo rende inferiore a “Spiritual revolution”. Non è brutto, ma è tutt’altro che fondamentale, e comunque tanti altri gruppi sanno fare meglio.

Track by Track
  1. A living infinite 65
  2. Fight their lies 60
  3. The harvest of time 65
  4. Parallel existence 70
  5. My bitter end 60
  6. Subtopia 55
  7. My soul is free 60
  8. Hearts alive 55
  9. Omerta 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
63

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 05.03.2021. Articolo letto 95 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.