Arcane Tales «Tales From Shàranworld» (2021)

Arcane Tales «Tales From Shàranworld» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
17.02.2021

 

Visualizzazioni:
217

 

Band:
Arcane Tales
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Arcane Tales [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Arcane Tales

 

Titolo:
Tales From Shàranworld

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Luigi Soranno

 

Genere:
Power / Symphonic Metal

 

Durata:
59' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
16.02.2021

 

Etichetta:
Broken Bones Records
[MetalWave] Invia una email a Broken Bones Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Broken Bones Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Broken Bones Records
Silverstream Records
[MetalWave] Invia una email a Silverstream Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Silverstream Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Silverstream Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

La mente di Luigi Soranno non si ferma di fronte a nulla ed eccolo tornare sulla scena con il suo progetto Arcane Tales e un cd fresco di produzione. Non è la prima volta che parliamo di questo artista e del suo talento, quindi prepariamo le nostre orecchie per della nuova musica.

Partiamo con un’intro da film, Under Siege, che ci porta dritti a Wall of shileds, un power speed metal marcato da una doppia cassa forse un tantino esagerata, con dei chiari elementi epic.
The shadow’s raise continua sulla linea di un contesto epico, purtroppo l’insieme dei suoni nel ritornello risultano massicci e andrebbero calibrati con maggiore attenzione.
Eccoci a Mirror of the dark side, uno dei brani appartenenti all’album Battle For Earth ri-arrangiata, oscura e drammatica.
Attraverso le note di Magic spell arriviamo a un sound che mi ha terribilmente ricordato i Vision Divine, sicuramente un pezzo che sul palco può dare una notevole soddisfazione.
The banquet è accattivante, ma è con Raging Blade che ci troviamo di fronte a un power deciso ed energico con cori di sfondo che danno quel tocco in più che stavo cercando dall’inizio del disco.
Ghostly Whispers, Battle for Earth e Angels’ Descent rappresentano nuovamente delle songs arrangiate una seconda volta poiché provenienti dall’opera del 2014 con lo scopo di festeggiare il ventennale dalla nascita del progetto Arcane Tales.
Rainbows’ Valley è un breve sipario delicato e introspettivo; arriviamo a Screams the eternal fortress, dinamica e intensa che si fa apprezzare per tutta la sua durata.
Sin dalle prime note, Winter Symphony si presenta come la più sinfonica e melodica dell’intero album, a tratti drammatica e teatrale, ma sicuramente degna di nota, non a caso rappresenta uno dei tre singoli di lancio.
Con Angels’ descent giungiamo alla conclusione: trattasi di una canzone con diversi sviluppi e tempi, atmosfere storiche di guerra e potere, molto godibile in determinati momenti, un pò meno in altri.
Questo Tales from Shàranworld è un lavoro sicuramente piacevole per alcuni versi, ricco di spunti idee e voglia di fare.
Come dico sempre, il fatto che il tutto sia nato e sviluppato da una sola mente è notevole, tuttavia comincio a capire che c’è un rovescio della medaglia in tutto questo.
Il non confronto con altri musicisti in sede compositiva potrebbe essere un aspetto negativo. Mi viene in mente l’eccesso abbastanza insistente dell’uso della doppia cassa, ad esempio. Per quanto uno sia un bravo musicista, deve un pò dosare gli elementi che utilizza, soprattutto nel metal e ancor più nel power- symphonic, altrimenti si corre il rischio di appesantire o coprire parte della melodia facendone perdere il valore.
Ciò rappresenta un qualcosa da tenere a mente.
L’ascolto è comunque gradevole seppur poco originale e questa è la seconda pecca che deve essere in qualche modo aggiustata.
Un disco valido per gli amanti del genere, ma consapevoli che potreste storcere il naso a qualche somiglianza di troppo con altri gruppi o progetti power metal.

Track by Track
  1. Under Siege S.V.
  2. Wall of Shields 60
  3. The Shadow’s Raise 60
  4. Mirror of the Dark Side 65
  5. Magic Spell 65
  6. The Banquet 65
  7. Raging Blade 70
  8. Ghostly Whispers 65
  9. Rainbows’ Valley 65
  10. Battle For Earth 65
  11. Screams the Eternal Fortress 70
  12. Winter Symphony 70
  13. Angels’ Descent 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
66

 

Recensione di reira » pubblicata il 17.02.2021. Articolo letto 217 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.