The Third Grade «Of Fire and Ashes Pt.2» (2020)

The Third Grade Of Fire And Ashes Pt.2 | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
17.02.2020

 

Visualizzazioni:
191

 

Band:
The Third Grade
[MetalWave] Invia una email a The Third Grade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Third Grade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di The Third Grade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di The Third Grade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di The Third Grade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di The Third Grade

 

Titolo:
Of Fire and Ashes Pt.2

 

Nazione:
Spagna

 

Formazione:
- Jose Masiá :: Voz, Guitarra, Piano;
- Javier Masiá :: Bajo, Coros;
- María Cobos :: voz;
- Iván Tacchella :: Batería;

 

Genere:
Progressive Metal

 

Durata:
1h 2' 13"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.03.2020

 

Etichetta:
Art Gates Records
[MetalWave] Invia una email a Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Art Gates Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Art Gates Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Da Valencia i The Third Grade rilasciano il secondo album della propria carriera “Of Fire Ad Ashes Pt.II” a suon di metal progressive schietto e diretto oltre che melodico all’ennesima potenza grazie agli incredibili stacchi ritmici, lead solo e sezioni ritmiche moderate. Il clean vocale femminile, spesso affiancato dal supporto maschile, non lascia dubbi sulle proprie abilità mentre per quanto attiene al fattore strutturale dei brani sono paiono molto tecnici orientandosi su livelli abbastanza più moderati e soft. Ciò ovviamente non lascia intendere che il combo non risulti sufficientemente aggressivo anzi, le andature paiono piuttosto taglienti e dirette e difficilmente ci si imbatte su qualcosa che possa mettere in dubbio il potenziale della band. In sostanza il tutto pare concentrarsi più su un qualcosa di commerciale piuttosto che sul tecnico; anche i suoni risultano potenti tenuto conto del constante uso del synth che riesce ad offrire numerosi quanto imprevedibili scenari. I nove brani superano l’ora di ascolto tenuto conto della lunghissima durata della nona traccia. Nel corso dell’ascolto non mancano ovviamente momenti particolarmente malinconici che si alternano con altri assolutamente privi di distorti; la band sa differenziarsi al punto da spaziare un po’ su diversi fronti senza però mai perdere il proprio orientamento. Trovo questo disco particolare sia nei contenuti che soprattutto nel modo in cui è concepito: si distacca dall’essere generico per offrire un qualcosa di diverso ed alternativo che mai perdere la propria vera natura.

Track by Track
  1. The Lost 70
  2. Exilium 75
  3. Polaris 70
  4. Intertwine 70
  5. A Heart Inside A Box 70
  6. The Darkest Time 70
  7. Rays Of Light 75
  8. Of Fire And Ashes 70
  9. A Cold Awakening 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 17.02.2020. Articolo letto 191 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.