Saturnalia Temple «Gravity» (2020)

Saturnalia Temple «Gravity» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
28.12.2019

 

Visualizzazioni:
768

 

Band:
Saturnalia Temple
[MetalWave] Invia una email a Saturnalia Temple [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Saturnalia Temple [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Saturnalia Temple [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Saturnalia Temple [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Saturnalia Temple

 

Titolo:
Gravity

 

Nazione:
Svezia

 

Formazione:
- Tommie :: Vocals, Guitar;
- Peter :: Bass;
- Kennet :: Drums;

 

Genere:
Stoner / Doom Metal

 

Durata:
48' 33"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
21.02.2020

 

Etichetta:
Listenable Records
[MetalWave] Invia una email a Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Listenable Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Listenable Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Strani e sostanzialmente ipnotici sono gli svedesi Saturnalia Temple autori ed esordienti in questo progetto stone, doom metal intitolato “Gravity”; ciò che in sostanza rende particolare il disco, al di là dei caratteristici assetti ritmici tipici del genere, è l’uso costante del fuzz e un cantato che, da un brano e l’altro, lascia l’idea di essere eseguito da due soggetti diversi. In realtà Tommie Eriksson sa essere dolce come nel caso della lunga “Saturnalia Temple” ma anche aspro come dimostra in maniera assai ruvida in “Gravity”; Elyzian Fields offre un nuovo cantato acerbo, un specie di growl che si propaga tra le note ripetute di un basso in fuzz e una lenta batteria; la lunga “Between The Worlds” apre con un suono di viola piuttosto cupo ben presto inebriato dagli effetti e dalle note di chitarra in cui dopo circa quattro minuti compare una nuova linea vocale sobria, quasi ovattata d’effetto e ipnotica; seguono “Bitter Taste” e “ Oannes” due realtà strumentali diverse tra loro il cui giocoforza è dato dal buon lavoro di chitarra che, tra una ritmica moderata e l’altra, sviluppa validi ed efficaci risultati accanto anche a sonorità synth; chiude lo strumentale effettato “Alpha Drakonis” con suoni appena nitidi e brevi. Un progetto che nel classico stile e modalità dello stoner doom, riesce a ricavare aspetti e sonorità diversi, tipici di chi è in grado di andare oltre al classico modo di interpretare questo genere.

Track by Track
  1. Tordyvel S.V.
  2. Saturnalia Temple 75
  3. Gravity 75
  4. Elyzian Filds 75
  5. Between The Worlds 70
  6. Bitter Taste 70
  7. Oannes 75
  8. Alpha Drakonis S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 28.12.2019. Articolo letto 768 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.