Tracy Grave «Sleazy Future» (2018)

Tracy Grave «Sleazy Future» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
31.08.2018

 

Visualizzazioni:
563

 

Band:
Tracy Grave
[MetalWave] Invia una email a Tracy Grave [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Tracy Grave [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Tracy Grave

 

Titolo:
Sleazy Future

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Tracy Grave :: Lead Vocals
Mark Shovel :: Lead Guitar
Enea Grave :: Guitar
John Hurricane :: Drums
Nero Viper :: Bass

 

Genere:
Hard Rock / Sleaze / Glam

 

Durata:
41' 20"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
22.03.2018

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion

 

Recensione

Bel disco questo disco di Tracy Grave, cantante ma anche nome del gruppo di questo 5 piece italiano, il cui genere musicale è chiaramente deducibile dal titolo dell’album.
Ed infatti così è: in questi 41 minuti di musica non dovete far altro che aspettarvi una scarica di adrenalina in salsa Motley Crue, Bon Jovi, LA Guns e a tratti Guns n Roses, tutto rimodellato dal buon tiro dei TG, che attaccano decisi e sanguigni con l’opener “Cemetery Sin”, tra Motley Cure e Bon Jovi ma con una voce più sporca, e che da qui in poi si alternano tra episodi più melodici e meno tirati come “Dirty Rain” e altri più raggianti come “Without scars”, con una predilezione per le tonalità in maggiore, o per la puramente biker “Dancing on the sunset”. E se “Make you feel the pain” mostra le evidenti influenze alla Guns n Roses nel cantato, il disco da qui in poi scende un po’ di tiro e si orienta di più in brani dall’attacco più ragionato e meno adrenalinico (non ho detto ballads), per un andamento sicuro e comunque convincente, che denota uno stile capace anche di non suonare solo “in your face”, ma che consente minime ma rilevanti variazioni allo stile.
Poco di originale, insomma, ma tanto cuore per questo “Sleazy future”, e sinceramente è ciò che vogliamo in questo genere musicale: potenza, attitudine in your face ma senza volgarità trash, passione e tanta elettricità. Se il glam/street/whatever è il vostro genere, “Sleazy Future” è un bel disco che vi consiglio.

Track by Track
  1. Cemetery Sin 75
  2. Dirty Rain 75
  3. Without scars 75
  4. Dancing on the sunset 80
  5. Freedom without rules 75
  6. Make you feel the pain 70
  7. My last goodbye 75
  8. Over the top 75
  9. Piece of horizon 75
  10. Return (Back In My Hands) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 31.08.2018. Articolo letto 563 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.